VICENZA TEATRO OLIMPICO – BETULIA LIBERATA DI MOZART – Sabato 28 agosto ore 21 per Vicenza in Lirica

Festival Vicenza in Lirica 2021
L’Opera è Giovane”
Vicenza 28 agosto – 12 settembre 2021

Debutta sabato 28 agosto la nona edizione di Vicenza in Lirica, la rassegna organizzata dall’ Associazione Concetto Armonico con la direzione artistica di Andrea Castello, che vede ogni anno la città palladiana diventare centro pulsante della musica lirica.

Ad inaugurare il Festival, una delle due nuove produzioni mozartiane presenti nel calendario della stagione: Betulia Liberata, oratorio sacro in due parti per soli, coro ed orchestra.

Sabato 28 agosto, alle 21, nell’incantevole scenario del Teatro Olimpico, si inaugura la nona edizione del Festival Vicenza in Lirica con la nuova produzione di Betulia Liberata di W.A. Mozart (1756-1791), oratorio sacro su libretto di Pietro Metastasio. Il titolo scelto per l’inaugurazione rientra nel tema che articola gran parte della programmazione del Festival di quest’anno: il 250esimo anniversario del primo dei tre viaggi di Wolfgang Amadeus Mozart con il padre Leopold in Italia, fonte di grandi ispirazioni e suggestioni. Durante il rientro a Salisburgo, i Mozart raggiunsero Padova dove, nel marzo del 1771, il giovane Wolfgang ricevette la commissione dal principe di Aragona Giuseppe Ximenes di scrivere l’oratorio La Betulia Liberata su testo di Pietro Metastasio e ispirata al biblico Libro di Giuditta nel Vecchio Testamento.

L’esecuzione di Betulia Liberata è affidata alle voci di Alessandra Visentin, Caterina Meldolesi, Veronique Valdes, Paola Leoci, Nile Senatore e Patrizio La Placa. Responsabile della parte corale è il coro “Iris Ensemble” di Padova diretto dal Maestro Marina Malavasi. L’accompagnamento musicale è affidato all’Orchestra di Padova e del Veneto, per la prima volta ospite del Festival, diretta dalMaestro Marco Comin.

Lo spettacolo inaugurale rappresenta la preziosa occasione di riscoprire un capolavoro giovanile del vasto catalogo mozartiano, in scena per la prima volta al Teatro Olimpico. Un viaggio musicale nello scrigno del genio di Salisburgo con un appuntamento che vede i musicisti impegnati a mettere in luce, con sensibilità e virtuosismo, l’eleganza e la profondità della partitura alla ricerca continua di spunti ed emozioni.


Il Festival, ideato e promosso dall’associazione Concetto Armonico, gode del sostegno del Ministero della Cultura, della collaborazione, sostegno e patrocinio del Comune di Vicenza, della collaborazione di AGSM AIM, del patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Vicenza, dell’Archivio storico Tullio Serafin, del Teatro La Fenice. Gode dell’alto patrocinio del Parlamento Europeo per la serata benefica del 29 agosto e si sviluppa grazie all’appoggio fondamentale di sponsor privati, partner e collaborazioni.

Inoltre è inserito nel cartellone “Vicenza estate 2021 – cultura, spettacoli, divertimento” dell’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza.

Sabato 28 agosto, ore 21

TEATRO OLIMPICO

Betulia Liberata
Inaugurazione del Festival Vicenza in Lirica 2021

Oratorio sacro in due parti per soli, coro ed orchestra, musica di W.A. Mozart, libretto di Pietro Metastasio.

Interpreti: Nile Senatore (Ozia), Alessandra Visentin (Giuditta), Paola Leoci (Amital), Patrizio La Placa (Achior), Caterina Meldolesi (Cabri), Véronique Valdès (Carmi), Orchestra di Padova e del Veneto, Marco Comin (direttore), Coro Iris Ensemble, Marina Malavasi (maestro del coro).

Orchestra di Padova e del Veneto, direttore Marco Comin.


Informazioni, biglietti e prevendite:
Biglietteria in prevendita nel circuito vivaticket.com
Prenotazioni biglietteria@vicenzainlirica.it
Biglietteria del Teatro Olimpico, dal 24 agosto al 12 settembre, orari 10-12/15-17 (lunedì chiuso).
Biglietto nominativo gradinata centrale: intero € 60,00 – ridotto € 50,00 – convenzionato € 45,00
Biglietto nominativo gradinata laterale: intero € 40,00 – ridotto € 35,00 – convenzionato € 30,00.
Biglietto speciale giovani fino a 25 anni in gradinata laterale: € 15,00 acquistabile in botteghino o su prenotazione.

Profili

ALESSANDRA VISENTIN, contralto

Una delle voci più interessanti della sua generazione, ha già avuto modo di calcare fra i più importanti palcoscenici del mondo come il Teatro alla Scala, Teatro San Carlo di Napoli, Musikverein di Vienna, Auditorium Nacional de Musica di Madrid, Thèatre des Champs –Elysèes de Paris, Festival di Salisburgo, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Sferisterio di Macerata, Teatro Luciano Pavarotti di Modena, per citarne alcuni. Ha collaborato con direttori quali Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Zubin Mehta, Juraj Valcuha, Franz Welser Most, Riccardo Frizza, Christopher Hogwood, Jean Claude Malgoire, Ottavio Dantone, Andrea Marcon, Federico Maria Sardelli e con registi come Hugo De Ana, Pier Luigi Pizzi, Robert Carsen, Ferzan Ozpetek. Nelle scorse stagioni ha cantato nella Nona Sinfonia di Beethoven con la direzione di Zubin Mehta e la Messa Defunctorum di Paisiello al Festival di Salisburgo diretta da Riccardo Muti. Nel 2016 il suo debutto al Teatro alla Scala con La Fanciulla del West di G. Puccini diretta da Riccardo Chailly. Tra gli ultimi impegni annovera un tour europeo con Marc Minkowski e Les Musiciens du Louvre e l’inaugurazione di stagione al Teatro San Carlo di Napoli sotto la direzione di Juraj Valcuha. Il 2019 ha segnato il suo ritorno al Teatro alla Scala di Milano per la Manon Lescaut di Puccini sotto la direzione di Riccardo Chailly e al Teatro San Carlo di Napoli per Madama Butterfly per la regia di Ferzan Ozpetek. E’allieva dei contralti Bernadette Manca di Nissa e Sara Mingardo.

Caterina Meldolesi, soprano

nasce a Roma il 24 dicembre 1996 (24 anni). Si diploma in canto con menzione d’onore sotto la guida di Sara Mingardo al Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Attualmente fa parte dello Young Artist Program del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

È finalista al Concorso Lirico Internazionale “Giulio Neri” 2021; vincitrice del secondo premio, premio della critica e di due concerti premio (Krasnoyarsk Opera House e Parma in lirica) al Concorso Lirico Internazionale “Salice d’Oro Special Edition” tenutosi al Teatro Coccia di Novara nel 2019. Vince il secondo premio come componente di Duo da camera al Concorso Internazionale di musica vocale da camera “Elsa Respighi”.

Nel Luglio 2016 debutta il ruolo di Second Witch in Dido and Aeneas di Purcell al Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. Nel luglio 2017 debutta il ruolo di Amore ne L’Incoronazione di Poppea al Teatro Due di Roma con la regia di Cesare Scarton e l’anno successivo debutta nello stesso teatro il ruolo di Proserpina nell’Orfeo di Monteverdi.

Nel repertorio sacro ha eseguito il Requiem di John Rutter, la Messa in Si minore di Bach (Soprano secondo) e lo Stabat Mater di Alessandro Scarlatti.

Ad agosto 2020 ha debuttato il ruolo di Juditha nell’Oratorio Juditha Triumphans di Vivaldi all’inaugurazione del Festival Vicenza in Lirica 2020 a fianco di Sara Mingardo nel ruolo di Oloferne e Vivica Genaux nel ruolo di Vagaus con la direzione di F. Erle.

A luglio del 2021 debutterà al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino nel ruolo de “La Fanciulla” nella Siberia di Umberto Giordano con la regia di Roberto Andò e direzione di Gianandrea Noseda, con Sonya Yoncheva nel ruolo protagonista.

Véronique Valdès, mezzosoprano

Nata in Svizzera, Véronique Valdès si appassiona presto alle arti della scena e si diploma come attrice. Successivamente intraprende gli studi di canto lirico e ottiene il Master in Vocal Performance al Mannes College di New York. Vincitrice della prestigiosa Borsa Swiss Migros Kulturprozent, è anche una giovane artista della Residenza Mozart del Festival d’Aix-en-Provence, e del Britten-Pears Young Artist Programme (Inghilterra). Segue le masterclass di Sara Mingardo, Ann Hallenberg, Ann Murray, Andreas Scholl, Jennifer Larmore, Davide Livermore.

Alla Fenice di Venezia, interpreta il ruolo di Nomio (Dorilla in Tempe, Vivaldi) sotto la direzione di Diego Fasolis, ruolo che riprende all’Opera Nazionale d’Irlanda per il Festival di Wexford. A New York, indossa i panni dei ruoli di Lucretia (The Rape of Lucretia, Britten) e Donna Rosa (Il Postino, Catán) con la Mannes Opera diretta da Joseph Colaneri, in più il ruolo dell’Enfant (L’Enfant et les Sortilèges, Ravel) con la Bare Opera sotto la direzione di Sesto Quatrini, e Madame de la Haltière (Cendrillon, Massenet) diretta da David Jackson. A Londra, interpreta Ottone (L’Incoronazione di Poppea, Monteverdi) con l’Hampstead Garden Opera. In Svizzera canta il ruolo di Ruggiero (Alcina, Haendel) con l’Ouverture-Opéra, Viscardo (Bianca e Fernando, Bellini) con l’ Opera St. Moritz, Flora (La Traviata, Verdi) con il Concertus Saisonnus.

Véronique Valdès si produce attivamente in recital e in oratori sacri. Canta a New York per i Bulgarian Concert Evenings e il Consolato Generale di Svizzera; a Beirut per l’Ambasciata di Svizzera; in Inghilterra per la Britten-Pears Fondazione; a Nantes per il Festival des Art’Scènes; in Svizzera con l’Orchestre de Chambre de Lausanne, l’Orchester der Universität Basel, l’Ensemble Baroque de Joux, Mélodies passagères; il Festival della Cité de Lausanne, La Schubertiade, Les Chambristes, i festivals Piano à St-Ursanne et Piano à Porrentruy.

Prossimamente: Lazuli (L’Étoile, Chabrier) presso l’Oper im Park a Basilea ; Il ruolo della “Cantante Lirica” per lo spettacolo Sugar Dance di Marie-Caroline Hominal a Losanna ; un recital presso il Festival Piano à Saint-Ursanne in Svizzera ; Maria- Bianca in La Cantatrice Mauve chez Molière, spettacolo di e con Jean-Pierre Althaus in tournée in Svizzera.

MARCO COMIN, direttore

Il veneziano Marco Comin è considerato uno dei direttori d’orchestra più entusiasmanti e versatili delle ultime generazioni. Oltre che un richiesto direttore sinfonico e d’opera, è anche un apprezzatissimo specialista di musica barocca. La sua passione comunicativa e la sua naturalezza eloquente si fondono in interpretazioni avvincenti e al contempo sensibili e raffinate.

Appena terminati gli studi di direzione d’orchestra alla Hochschule für Musik ‘H. Eisler’ di Berlino, nel 2005 Marco Comin viene assunto come secondo Kapellmeister dal Deutsches Nationaltheater di Weimar. Tre anni dopo diventa primo Kapellmeister e vice Generalmusikdirektor del Teatro di Stato di Kassel.

Dal 2012 al 2017 è direttore musicale dello Staatstheater am Gärtnerplatz di Monaco di Baviera. Ai successi di La sonnambula, Aida, Peter Grimes (B. Britten), Jeanne d’Arc au Bûcher (A. Honegger) e di molte altre opere dell’otto e novecento, si affianca la rivelazione di Marco Comin anche come interprete del barocco. Profondo conoscitore della prassi esecutiva e della retorica musicale del XVII e XVIII secolo, Comin infonde all’orchestra uno stile storicamente informato, portandola a brillare sia in produzioni d’opera (in particolare di Händel e Purcell) che in stagioni concertistiche barocche da lui stesso ideate e curate.

Marco Comin è direttore ospite della Staatsoper di Stoccarda, dell’Opera di Stato di Budapest, dell’Opera di Graz, dell’Aalto Theater Essen, del Teatro di Koblenz e del Teatro dell’opera di Brema. Inoltre ha diretto concerti alla guida dei Münchner Philharmoniker, Philharmonie Essen, Dortmunder Philharmoniker, Nordwest Deutsche Kammerphilharmonie, Bremer Philharmoniker, Augsburger Philharmoniker e Südwestdeutsche Philharmonie Konstanz.

Precedentemente allo studio della direzione d’orchestra, Marco Comin ha studiato pianoforte e composizione al Conservatorio Musicale “B. Marcello” e storia all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha inoltre frequentato corsi di interpretazione musicale tenuti da Nikolaus Harnoncourt ed è stato assistente di Christopher Hogwood.

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

Fondata nell’ottobre 1966, l’Orchestra di Padova e del Veneto si è affermata come una delle principali orchestre italiane. Realizza circa 120 tra concerti e recite d’opera ogni anno, con una propria Stagione a Padova, concerti in Regione, per le più importanti Società di concerti e Festival in Italia e all’estero.

La direzione artistica e musicale dell’Orchestra è stata affidata a Claudio Scimone (dalla fondazione al 1983), Peter Maag (direttore principale, 1983-2001), Bruno Giuranna, Guido Turchi, Mario Brunello (direttore musicale, 2002-2003), Filippo Juvarra. Nel settembre 2015 Marco Angius ha assunto l’incarico di direttore musicale e artistico.

L’OPV annovera collaborazioni con i nomi più insigni del concertismo internazionale, tra i quali si ricordano M. Argerich, V. Ashkenazy, I. Bostridge, R. Chailly, R. Goebel, P. Herreweghe, S. Isserlis, L. Kavakos, T. Koopman, R. Lupu, M. Maisky, Sir N. Marriner, V. Mullova, O. Mustonen, A.S. Mutter, M. Perahia, I. Perlman, S. Richter, M. Rostropovich, K. Zimerman.

A partire dal 2015, su ideazione di Marco Angius, l’OPV ha ospitato Salvatore Sciarrino come compositore in residenza realizzando il primo ciclo di Lezioni di suono, esperienza che si è poi rinnovata nelle Stagioni successive con Ivan Fedele, Giorgio Battistelli, Nicola Sani e Michele dall’Ongaro.

L’Orchestra è protagonista di una nutrita serie di trasmissioni televisive per Rai5 oltre che di una vastissima attività discografica che conta più di 60 incisioni per le più importanti etichette.

È sostenuta da Ministero della Cultura, Regione del Veneto e Comune di Padova.

Ufficio stampa

Studio Pierrepi – Padova

Alessandra Canella

mob. (+39) 345 7154654

canella@studiopierrepi.it

www.studiopierrepi.it

Masterclass di alto perfezionamento in canto lirico con Sara Mingardo

Sara Mingardo

Art. 1 – Master class – sede – lezioni

L’associazione culturale Concetto Armonico organizza masterclass di alto perfezionamento in canto lirico all’interno della programmazione del nono Festival “Vicenza in Lirica”. Per l’anno 2021 organizza la masterclass con il contralto Sara Mingardo (29, 30, 31 agosto) presso l’oratorio di San Nicola (Contrà Mure San Rocco – Vicenza). La master class sarà accompagnata al pianoforte dal Maestro Marcos Madrigal.

Art. 2 – Ammissione: limiti di età e iscrizione

Sono ammessi a partecipare cantanti di qualsiasi nazionalità. Il limite di età per partecipare alla master class è fissato ad anni 32. Potranno partecipare alla masterclass al massimo 10 allievi effettivi e al massimo 15 allievi uditori.

Per iscriversi alla masterclass, il candidato dovrà inviare la documentazione richiesta entro il 22 agosto 2021 a: masterclass@concettoarmonico.it.

Documentazione richiesta per l’iscrizione

  1. scheda d’iscrizione debitamente compilata e firmata
    (scaricabile dal sito www.vicenzainlirica.it oppure www.concettoarmonico.it);
  2. breve Curriculum Vitae (in formato .doc/.rtf/.pdf);
  3. copia del documento d’identità (in formato .jpeg/.gif/.png).
  4. copia dell’avvenuto pagamento della quota d’iscrizione

Art. 3 – Modalità di pagamento allievo effettivo

La quota di partecipazione alla masterclass è di € 300,00 (trecento/00 Euro), comprensiva di tessera associativa a socio simpatizzante di Concetto Armonico di € 25,00 (venticinque/00). La tessera ha validità un anno. Chi dovesse già essere in possesso della tessera associativa valida al 31 agosto 2021 verserà la quota di € 275,00 (duecentosettantacinque/00). La quota di partecipazione andrà versata entro una settimana dalla comunicazione.

CONCETTO ARMONICO – ASSOCIAZIONE CULTURALE
BCC CENTROVENETO, Filiale di Vicenza
IBAN: IT60 O085 9011 8000 0008 1026 140 BIC: CCRTIT2TBCV

Causale: NOME COGNOME iscrizione masterclass Sara Mingardo Vicenza in Lirica 2021

NB: Si prega di indicare il nome e cognome di chi s’iscrive

Tale quota non sarà rimborsabile in caso di rinuncia del partecipante.

Art. 4 – Allievi uditori

Sono ammessi 15 allievi uditori. La quota di frequenza per gli allievi uditori e di € 75,00 (Settantacinque/00), comprensiva di tessera associativa. Chi fosse già in possesso della tessera associativa Concetto Armonico valida al 31 agosto 2021, verserà solamente € 50,00. Per partecipare alla master class dovranno inviare entro il 22 agosto 2021 a: masterclass@concettoarmonico.it il materiale richiesto di cui all’articolo 3, perfezionare la quota di frequenza al momento dell’iscrizione ed inviare la contabile dell’avvenuto pagamento, pena l’esclusione dal progetto. Avranno l’obbligo di frequenza dell’80% delle ore totali per ricevere l’attestato di frequenza. Potranno intervenire con discrezione alla masterclass porgendo domande al Maestro nei momenti consentiti

Art. 5 – Frequenza.

Gli orari delle masterclass con le relative pause, verranno concordati dal docente insieme agli allievi iscritti. Gli allievi avranno l’obbligo di frequenza di almeno l’80% delle ore totali di lezione. Nel caso in cui l’allievo non frequenti l’80% delle ore totali non riceverà l’attestato finale.

Art. 6 – Annullamento.

L’organizzazione si riserva la facoltà di annullare la masterclass qualora non si presentasse il numero sufciente di partecipanti o qualora cause indipendenti dalla propria volontà ne impediscano il regolare svolgimento. In questi casi agli iscritti verrà rimborsata la quota di partecipazione alla master class

Art. 7 – Concerto fnale.

Gli allievi effettivi che siano pronti ad esibirsi in pubblico (l’insegnante e la direzione artistica valuteranno attentamente il grado di preparazione dell’allievo), parteciperanno al concerto finale che si terrà il 31 agosto alle ore 21 presso l’Oratorio di San Nicola. Gli allievi che parteciperanno al concerto non riceveranno alcun compenso o rimborso spese per la prestazione. L’allievo dovrà assicurare la propria presenza al concerto, senza eccezioni di sorta. L’attestato di partecipazione verrà consegnato a tutti gli allievi (effettivi e uditori) alla conclusione del concerto finale.

Art. 8 – Riprese di immagini, audio e video.

Effettuando l’iscrizione, il partecipante alla masterclass dà il proprio consenso per riprese e trasmissioni radiofoniche e televisive, per riprese di immagini come pure su nastri audio e video realizzate nell’ambito delle lezioni, delle prove, dei concerti e delle recite operistiche, eseguite dall’organizzatore stesso o da persone o istituzioni incaricate. In particolare, il partecipante cede all’organizzazione tutti i diritti delle riprese d’immagine, sonore e video per qualsiasi utilizzo in relazione all’evento. L’organizzazione si riserva il diritto di utilizzare immagini, registrazioni audio e video per la promozione in relazione al presente evento o a futuri eventi oppure di pubblicare le registrazioni sonore e video a scopo dimostrativo e promozionale.

Art. 9 – Conclusioni finali.

Gli organizzatori declinano ogni responsabilità da rischi e danni di qualsiasi natura a persone, cose o altro che dovessero derivare agli allievi durante lo svolgimento delle lezioni. L’iscrizione alla masterclass comporta l’accettazione incondizionata al presente regolamento di ammissione.

Vale la versione in Italiano del presente bando.

Vicenza in Lirica: ospitalità e borse di studio

Festival Vicenza in Lirica 2021
“L’Opera è Giovane”
Vicenza 28 agosto – 12 settembre 2021

Vicenza in Lirica: ospitalità e borse di studio, 
un grande segno che sostiene le nuove generazioni di artisti e il Teatro dal vivo.

L’Olimpiade, A. Vivaldi, 5 e 8 settembre 2020, Teatro Olimpico

Il festival Vicenza in Lirica fin dal suo esordio nel 2013, ha sempre avuto un occhio di riguardo per i giovani artisti promuovendo un sostegno che affiancava alla formazione musicale altre attività decisamente più concrete.

Anche per la nona edizione del Festival (inaugurazione il 28 agosto 2021 al Teatro Olimpico di Vicenza con l’oratorio sacro Betulia Liberata di W.A. Mozart, programma completo su www.vicenzainlirica.it), la direzione artistica ha messo in primo piano i giovani dedicando loro lo slogan che accompagnerà l’edizione 2021 “L’Opera è Giovane”.

Come ogni anno anche in questa edizione il festival desidera in parte affidarsi alla generosità di privati che, sensibili al mondo culturale ed alle sue ricchezze, desiderassero offrire alcune borse di studio (elargizione liberale di 400,00 euro fiscalmente detraibili) 

Elargire una borsa di studio è un grande segno d’interesse verso il mondo della Cultura, verso la città e, soprattutto verso i giovani artisti costretti a sostenere molti sacrifici e con un futuro ancora più incerto in questi ultimi due anni, a causa del Covid-19. Alcuni giovani non hanno la possibilità di continuare gli studi e vedono ‘minacciato’ il loro futuro; per questo motivo con tanta determinazione seguendo l’esempio di altre città che ospitano festival importanti, insisto nel voler sensibilizzare le persone che possono alimentare il sogno culturale di questi ragazzi insieme al festival Vicenza in Lirica” sottolinea Andrea Castello, direttore artistico del festival e, a proposito dell’opportunità di offrire ospitalità agli artisti prosegue “Puó diventare un’esperienza unica, testimoniata da quelle persone che negli anni scorsi l’hanno provata e che sono dunque entrati in stretto rapporto con la vita artistica, le abitudini, le paure e le gioie che fanno parte della vita quotidiana di chi sceglie questo sempre più difficile lavoro.”

Borse di studio ed ospitalità per i giovani artisti possono dunque sostenere ed avvicinare questo, ancora in parte poco conosciuto, universo teatrale facendo scoprire le grandi emozioni di quella particolarissima presa diretta che solo il teatro dal vivo può donare.

Per offrire una borsa di studio o l’ospitalità ad un giovane artista scrivere a: info@vicenzainlirica.it o chiamare il numero 3496209712. 

Il Festival, ideato e promosso dall’associazione Concetto Armonico, gode del sostegno del Ministero della Cultura, della collaborazione, sostegno e patrocinio del Comune di Vicenza, della collaborazione di AGSM AIM il patrocinio della Regione del Veneto, Provincia di Vicenza, Archivio storico Tullio Serafin, Teatro La Fenice.

Info e biglietteria Festival Vicenza in Lirica 2021


Una ripartenza che avviene dopo uno dei momenti di chiusura più lunghi e sofferti per tutti e, in modo particolare, per i luoghi della cultura. La riapertura avverrà con le ben note limitazioni di cui tanto si è parlato: il Teatro Olimpico sarà occupato per circa 50% della capienza, sarà obbligatorio tenere la mascherina per tutto il tempo del concerto, mantenere il distanziamento e non creare assembramenti in entrata e in uscita. Gli accessi sono controllati e accessibili previa misurazione della temperatura corporea e l’obbligo della mascherina. Valgono le disposizioni vigenti alla data del festival.

Biglietti

PROVE GENERALI APERTE AL PUBBLICO
27 agosto (Betulia liberata) e 7 settembre (Mitridate, Re di Ponto)
biglietti settore unico: intero € 25,00 – ridotto € 20,00 – giovanissimi (fino a 25 anni) € 8,00

CONCERTI E OPERA AL TEATRO OLIMPICO
28 agosto (Betulia liberata), 9 e 12 settembre (Mitridate, Re di Ponto)
biglietti gradinata centrale: intero € 60,00 – ridotto € 50,00 – convenzionato € 45,00;
biglietti gradinata laterale: intero € 40,00 – ridotto € 35,00 – convenzionato € 30,00 – giovanissimi (fino a 25 anni) in gradinata laterale € 15,00
29 agosto: biglietto unico € 30,00 a favore di Assi Gulliver

ALTRI CONCERTI E OPERA
2 settembre (Viaggio in Italia), 4 settembre (Le Grazie vendicate), 5 settembre (Le Quattro Stagioni): biglietto unico € 10,00
8 settembre (Passioni dantesche in musica): biglietto intero € 20,00 – ridotto € 15,00

I biglietti ridotti sono validi per gli under 30 e over 65 anni.
I biglietti convenzionati sono riservati ai possessori delle carte fedeltà: A&O, Famila ed Emisfero, abbonati del Teatro La Fenice e sono acquistabili solo in biglietteria o su prenotazione.
I biglietti riservati ai giovanissimi sono acquistabili solamente in biglietteria e non sono cedibili.
TUTTI GLI SPETTACOLI RISPETTERANNO LE NORME ANTI-COVID VIGENTI

Programma del Festival Vicenza in Lirica 2021


Fuori festival

Venerdì 27 agosto, ore 20.45
CHIOSTRO DI SAN LORENZO
Young Artists’ Future
Festival in anteprima.
Concerto degli allievi che hanno partecipato alla masterclass di canto lirico tenuta dal mezzosoprano Laura Polverelli, Renata Lamanda e Alberto Mastromarino.
Ingresso gratuito

Programma Festival


Venerdì 27 agosto, ore 21
TEATRO OLIMPICO
Betulia Liberata
Festival in anteprima, prova generale aperta al pubblico
Oratorio sacro in due parti per soli, coro ed orchestra di W.A. Mozart, su libretto di Pietro Metastasio.
Interpreti: Nile Senatore (Ozia), Alessandra Visentin (Giuditta), Paola Leoci (Amital), Patrizio La Placa (Achior), Caterina Meldolesi (Cabri), Véronique Valdès (Carmi), Orchestra di Padova e del Veneto, Marco Comin (direttore), Coro Iris Ensemble, Marina Malavasi (maestro del coro).

Sabato 28 agosto, ore 11
PALAZZO CHIERICATI, SALONE D’ONORE
Consegna del premio alla carriera Vicenza in Lirica 2021 a RENATA SCOTTO

Sabato 28 agosto, ore 21
TEATRO OLIMPICO
Betulia Liberata
Inaugurazione del Festival Vicenza in Lirica 2021
Oratorio sacro in due parti per soli, coro ed orchestra, musica di W.A. Mozart, libretto di Pietro Metastasio.
Interpreti: Nile Senatore (Ozia), Alessandra Visentin (Giuditta), Paola Leoci (Amital), Patrizio La Placa (Achior), Caterina Meldolesi (Cabri), Véronique Valdès (Carmi), Orchestra di Padova e del Veneto, Marco Comin (direttore), Coro Iris Ensemble, Marina Malavasi (maestro del coro).

Domenica 29 agosto, ore 21
TEATRO OLIMPICO
Recital benefico
Con l’alto patrocinio del Parlamento Europeo
Recital lirico benefico interamente a favore di ASSI Gulliver Associazione Sindrome di Sotos Italia
con ospiti: Amarilli Nizza (soprano), Elisa Verzier (soprano), Laura Polverelli (mezzosoprano), Renata Lamanda (mezzosoprano), Francesca Lione (mezzosoprano), Miriam Carsana (mezzosoprano), Alberto Mastromarino (baritono), Natale De Carolis (basso-baritono). Marco Madrigal (pianoforte)
In ricordo di Nerina Peroni

Lunedì 30 agosto, ore 21
STAMPERIA D’ARTE BUSATO
Letture sotto le Stelle
Presentazione del libro V e WPerché non possiamo fare a meno di Giuseppe Verdi e Richard Wagnerdi Fabio Larovere e Andrea Fani, prefazione di Alberto Mattioli, edizioni Massetti Rodella.
Interviene Fabio Larovere e Andrea Fani
Visita guidata alla Stamperia d’arte Busato per il pubblico presente a cui verrà consegnato un singolare omaggio.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Martedì 31 agosto, ore 21
ORATORIO DI SAN NICOLA
Young Artists’ Future
Concerto degli allievi che hanno partecipato alla masterclass di canto lirico tenuta dal soprano Renata Scotto.
Ingresso gratuito

Giovedì 2 settembre, ore 21
GIARDINO DEL TEATRO OLIMPICO
Viaggio in Italia, tra Napoli e Venezia. Arie d’opera di Caldara e Porpora
Concerto con musiche di Antonio Caldara e Nicola Porpora.
Interpreti: Emma Alessi Innocenti (mezzosoprano), Ensemble barocco del festival Vicenza in Lirica, Carlo Steno Rossi (concertatore al cembalo).
In caso di maltempo ci si sposta all’interno

Venerdì 3 settembre, ore 21
CHIESA DI SAN LORENZO
Leo Nucci – Pregando con la musica
Concerto di musiche tratte dal repertorio sacro.
Con il Quartetto armonía (harmony quartet)Interpreti: Elisa Maffi (soprano), Leo Nucci (baritono e violoncello), Marco Righi(violoncello), Paolo Marcarini(direttore arrangiatore all’organo)
Ingresso gratuito

Sabato 4 settembre, ore 11.30
ODEO DEL TEATRO OLIMPICO
Marta Mari e le liriche di Licinio Refice. Licinio Refice Art Songs
Concerto con le musiche di Licinio Refice
Interpreti: Marta Mari (soprano), Mosè Edmondo Savio (pianoforte).
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Sabato 4 settembre, ore 17
GIARDINO DEL TEATRO OLIMPICO
Le Grazie vendicate
Dramma per musica di Antonio Caldara, su libretto di Pietro Metastasio, in prima esecuzione assoluta in tempi moderni
Maddalena De Biasi (Talia), Claudia Urru (Eufrosine), Barbara Massaro (Aglaja), Ensemble Barocco del festival Vicenza in Lirica, Carlo Steno Rossi (concertatore al cembalo e revisore). Rosangela Giurgola (mise-en-espace), Sartoria Daniela Boscato (costumi).
In caso di maltempo ci si sposta all’interno.

Domenica 5 settembre, ore 18
TEMPIO DI SANTA CORONA
Le Quattro Stagioni
di Antonio Vivaldi.
Con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Milano, Pietro Mianiti (direttore)

Lunedì 6 settembre, ore 21
STAMPERIA D’ARTE BUSATO
Letture sotto le Stelle
Presentazione del libro Il basso rossinianodi Giorgio Appolonia, edizioni Lemma. Interviene Giorgio Appolonia. Visita guidata alla Stamperia d’arte Busato per il pubblico presente, a cui verrà consegnato un singolare omaggio.
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Martedì 7 settembre, ore 18.30
CHIESA DEI SERVI
Stabat Mater
di Alessandro Scarlatti.
Interpreti: Costanza Cutaia (soprano), Antonia Salzano (contralto), Ensemble barocco del festival Vicenza in Lirica, Carlo Steno Rossi (concertatore al cembalo)
Ingresso gratuito

Martedì 7 settembre, ore 20.30
TEATRO OLIMPICO
Mitridate, Re di Ponto
(anteprima dell’opera aperta al pubblico)
Opera seria in tre atti di W.A. Mozart, su libretto di Vittorio Amadeo Cigna-Santi.
Interpreti
Shanul Sharma (Mitridate), Nina Solodovnikova (Aspasia), Darija Auguštan (Sifare), Franko Klisović (Farnace), Martina Licari (Ismene), Alfonso Zambuto (Marzio), Gloria Giurgola (Arbate).

Orchestra barocca del festival Vicenza in Lirica
Luca Oberti (maestro direttore e concertatore)
Natale De Carolis (regia)
Accademia delle Belle Arti di Verona (scene, costumi, trucco, parrucco)
Giorgia De Luca (danzatrice solista)
Luca Rossi e Francesco Motta (attori)
Andrea Grussu (luci)

Mercoledì 8 settembre, ore 21
GIARDINO DEL TEATRO OLIMPICO
“…e quindi uscimmo a riveder le stelle”
Passioni dantesche in musica
Concerto dedicato a Dante Alighieri con le musiche di Francesco Morlacchi, Luigi Confidati, Gioacchino Rossini, Franz Listz, Amilcare Ponchielli.
Interpreti: Manuela Custer (mezzosoprano), Ensemble Quartetto Dafne, Raffaele Cortesi (pianoforte).
In caso di maltempo ci si sposta all’interno.

Giovedì 9 settembre, ore 11
PALAZZO TRISSINO, SALA DEGLI STUCCHI
Consegna del premio “Mitridate” agli interpreti solisti dell’opera “Mitridate, Re di Ponto” di W. A. Mozart, eseguita nel 1984 al Teatro Olimpico di Vicenza.

Giovedì 9 settembre, ore 20.30
TEATRO OLIMPICO
Mitridate, Re di Ponto
Opera seria in tre atti di Wolfgang Amadeus Mozart, su libretto di Vittorio Amadeo Cigna-Santi.
Interpreti
Shanul Sharma (Mitridate), Nina Solodovnikova (Aspasia), Darija Auguštan (Sifare), Franko Klisović (Farnace), Martina Licari (Ismene), Alfonso Zambuto (Marzio), Gloria Giurgola (Arbate).

Orchestra barocca del festival Vicenza in Lirica
Luca Oberti (maestro direttore e concertatore)
Natale De Carolis (regia)
Accademia delle Belle Arti di Verona (scene, costumi, trucco, parrucco)
Giorgia De Luca (danzatrice solista)
Luca Rossi e Francesco Motta (attori)
Andrea Grussu (luci)

Sabato 11 settembre, ore 11
GIARDINO DEL TEATRO OLIMPICO
Letture in Giardino
Presentazione del libro “Il violino di filo” di Matteo Grimaldi, edizioni Giunti.
Interviene Matteo Grimaldi
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Domenica 12 settembre, ore 18
CAFFE’ GALLA 1880
Letture sotto le Stelle
Presentazione dei libri Pazzo per l’opera – istruzioni per l’abuso del MelodrammaeVa pensierodi Alberto Mattioli, edizioni Garzanti.
Intervengono Alberto Mattioli e Cesare Galla (relatore).
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Giovedì 9 settembre, ore 20.30
TEATRO OLIMPICO
Mitridate, Re di Ponto
Opera seria in tre atti di Wolfgang Amadeus Mozart, su libretto di Vittorio Amadeo Cigna-Santi.
Interpreti
Shanul Sharma (Mitridate), Nina Solodovnikova (Aspasia), Darija Auguštan (Sifare), Franko Klisović (Farnace), Martina Licari (Ismene), Alfonso Zambuto (Marzio), Gloria Giurgola (Arbate).

Orchestra barocca del festival Vicenza in Lirica
Luca Oberti (maestro direttore e concertatore)
Natale De Carolis (regia)
Accademia delle Belle Arti di Verona (scene, costumi, trucco, parrucco)
Giorgia De Luca (danzatrice solista)
Luca Rossi e Francesco Motta (attori)
Andrea Grussu (luci)

Ultimo aggiornamento: 28 luglio 2021

Festival Vicenza in Lirica 2021, “L’Opera è Giovane”, Vicenza 28 agosto – 12 settembre 2021


Festival Vicenza in Lirica 2021
L’Opera è Giovane”
Vicenza 28 agosto – 12 settembre 2021

Mitridate, Re di Ponto e Betulia Liberata nuove produzioni, la grande attenzione rivolta ai giovani artisti, future promesse del palcoscenico, e la nuova iniziativa “Vicenza in Lirica fuori le Mura che coinvolge altre città, attratte dalla programmazione della manifestazione.

La biglietteria del festival apre al botteghino del Teatro Olimpico di Vicenza (Stradella Olimpico) da martedì 24 agosto a domenica 12 settembre dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 17 (Escluso il lunedì).

A Vicenza al Teatro Olimpico sabato 28 agosto si inaugura la nona edizione del Festival Vicenza in Lirica, che prevede concerti e incontri in programma nella scenografica sede del Teatro Olimpico e in altri luoghi di particolare bellezza della città palladiana, nel pieno rispetto dei protocolli anti-Covid. La manifestazione, diretta da Andrea Castello, accoglie artisti di fama ma anche giovani artisti all’avvio di una brillante carriera, è in scena fino al 12 settembre con un programma che si dipana tra nuove produzioni, attesi ritorni e momenti di approfondimento.

Il Festival, ideato e promosso dall’associazione Concetto Armonico, gode del sostegno del Ministero della Cultura, della collaborazione, sostegno e patrocinio del Comune di Vicenza, della collaborazione di AGSM AIM, del patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Vicenza, dell’Archivio storico Tullio Serafin, del Teatro La Fenice. Gode dell’alto patrocinio del Parlamento Europeo per la serata benefica del 29 agosto e si sviluppa grazie all’appoggio fondamentale di sponsor privati, partner e collaborazioni.

Inoltre è inserito nel cartellone “Vicenza estate 2021 – cultura, spettacoli, divertimento” dell’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza.

Le principali produzioni dell’edizione di quest’anno rientrano nel 250esimo anniversario del primo dei tre viaggi in Italia di Wolfgang Amadeus Mozart con il padre Leopold. In questo suo primo tour in Italia Mozart scrisse molto ed in quel periodo si colloca l’opera Mitridate, re di Ponto che lui stesso diresse il 26 dicembre 1770 al Teatro Regio Ducale di Milano. Pochi mesi dopo, durante il viaggio di ritorno verso Salisburgo, i Mozart raggiunsero anche la città di Padova dove, il 12 marzo 1771, Wolfgang ricevette la commissione dal principe di Aragona Giuseppe Ximenes di scrivere l’oratorio Betulia Liberata su libretto di Pietro Metastasio, definita dallo stesso compositore come “Azione sacra” in due parti ispirata al Libro biblico di Giuditta nel Vecchio Testamento. Con questi due capolavori giovanili del genio di Salisburgo, il festival Vicenza in Lirica vuole ricordare il suo prolifico viaggio nel nostro bel Paese, da sempre grande fonte di ispirazioni e potenti suggestioni.

Ad inaugurare il Festival è proprio l’esecuzione dell’oratorio sacro Betulia Liberata di W. A. Mozart su libretto di Pietro Metastasio (Teatro Olimpico, 28 agosto)con le voci di Alessandra Visentin, Caterina Meldolesi, Veronique Valdes, Paola Leoci, Nile Senatore e Patrizio La Placa. Responsabile della parte corale sarà il coro “Iris Ensemble” di Padova diretto dal Maestro Marina Malavasi. L’accompagnamento musicale sarà affidato all’Orchestra di Padova e del Venetoper la prima volta ospite del Festival, diretta dalMaestro Marco Comin.

Sempre al Teatro Olimpico, la sera successiva torna l’appuntamento benefico del Festival a favore diA.S.S.I. Gulliver – Associazione Sindrome di Sotos Italia. Protagonisti della serata, il cui ricavato sarà interamente devoluto all’Associazione vicina alle famiglie dei pazienti affetti dalla Sindrome di Sotos, saranno Amarilli Nizza, Renata Lamanda, Laura Polverelli, Alberto Mastromarino, Natale De Carolis, ai quali si aggiungeranno altri grandi nomi e giovani tra cui Elisa Verzier e Francesca Lione. Ospite d’eccezione e madrina della seratasarà la pianista Nerina Peroni, per molti anni maestro accompagnatore nella classe di canto del Maestro Elio Battaglia e conosciuta dal grande pubblico durante l’inverno passato grazie al talent televisivo di Mediaset Tu si que vales. Il concerto sarà accompagnato al pianoforte dal Marcos Madrigal.

Dopo la serata benefica, si prosegue nella suggestiva cornice del Giardino del Teatro Olimpico con un concerto di musica barocca presentato dall’Ensemble barocco Arbor Musica, concertato al cembalo da Carlo Steno Rossi e con la voce solista del mezzosoprano Emma Alessi Innocenti (2 settembre). Il titolo della particolare serata sotto le stelle, in uno dei giardini più suggestivi della città, saràViaggio musicale tra Napoli e Venezia con un programma di arie d’opera di due tra i principali compositori del periodo barocco: il veneziano Antonio Caldara e il napoletano Nicola Porpora.

L’appuntamento successivo, nella straordinaria cornice storica della chiesa di San Lorenzo, vede il ritorno al Festival delgrande baritono Leo Nucci con un concerto di singolare impatto emotivo, dove la musica sacra sarà la vera protagonista.Pregando con la Musicaè il titolo del concerto scelto dal baritono e, per l’occasione, anche violoncellistaInsieme al grande artista, prenderanno parte al concerto Elisa Maffi, soprano, Marco Righi, violoncello, e Paolo Marcarini, organo e arrangiamenti musicali (3 settembre).

Il Festival continua con doppio appuntamento per la giornata del 4 settembre, proponendo una matineé riservata alla musica del primo Novecento di Licinio Refice (1883-1954), compositore riformista della musica sacra. Il soprano Marta Mari, che debuttò al festival Vicenza in Lirica nel 2016, sarà accompagnato al pianoforte da Edmondo Mosè Savio. I due artisti presenteranno il cd, di recente pubblicazione, dal titolo Licinio Refice Arts Songs pubblicato da Da Vinci Classics.

Alle 17 nel giardino del Teatro Olimpico l’esecuzione del dramma per musica Le Grazie vendicate di Antonio Caldara, composto nel 1735 su libretto di Pietro Metastasio. Il lavoro, presentato dal Festival in prima esecuzione assoluta in tempi moderni, è a cura di Carlo Steno Rossi alla guida dell’Ensemble barocco Arbor Musica. Le tre grazie saranno interpretate da Maddalena De Biasi (Talia), Claudia Urru (Eufrosine) e Barbara Massaro (Aglaja), Rosangela Giurgola (mise-en-espace), Sartoria Daniela Boscato (costumi).

Il cartellone continua con un concerto al Tempio di Santa Corona dedicato a Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi eseguite dall’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano diretta da Pietro Mianiti (5 settembre). L’appuntamento conferma la collaborazione del Festival con l’istituzione milanese, rapporto che sarà ulteriormente consolidato in autunno con Vicenza in Lirica fuori le mura, rassegna che porterà a Milano una masterclass ed un recital.

A seguire la riproposizione, nel giorno che precede la festa patronale della città dedicata a Maria, dello Stabat Mater di Alessandro Scarlatti, eseguito dalle due giovani soliste Costanza Cutaia, soprano, e Antonia Salzano, contralto, accompagnate dall’Ensemble barocco Arbor Musica, concertatore al cembalo Carlo Steno Rossi. Per rendere ancora più toccante e coinvolgente la straordinaria sequenza dello Stabat Mater, verranno inserite alcune letture con relative proiezioni curate dai giovani allievi del Liceo “Guarino Veronese” di San Bonifacio (Verona) che dal 2019 collabora con il Festival. Uno degli obiettivi principali del Festival è sempre stato quello di creare un dialogo con i giovani per far conoscere loro la straordinaria ricchezza offerta dal mondo dell’opera lirica e del teatro in generale (Chiesa dei Servi, 7 settembre).

Il giorno successivo si continua con un concerto dedicato a Dante Alighieri a 700 anni dalla morte. Il concerto dal titolo …e quindi uscimmo a riveder le stellepassioni dantesche in musica – vedrà come protagonista il mezzosoprano Manuela Custer che ritorna a Vicenza in Lirica dopo lo straordinario successo ottenuto nel 2018. Manuela Custer, che intende celebrare il Sommo Poeta con un articolato programma di musiche di F. Morlacchi, L. Confidati, G. Rossini, F. Listz, A. Ponchielli e molti altri, sarà accompagnata dal Quartetto Dafne, costituito da Samuel Angletti Ciaramicoli e Federica Barbali al violino, Paolo Pasoli alla viola, Antonio Puliafito al violoncello, e al pianoforte da Raffaele Cortesi. (Giardino del Teatro Olimpico, 8 settembre).

Sempre al Teatro Olimpico, il 9 settembre, andrà in scena Mitridate, re di Pontodi W.A. Mozart, opera seria in tre atti su libretto di Vittorio Amedeo Cigna-Santi, composta dal genio salisburghese a soli 14 anni ed eseguita in prima assoluta nel 1770 al Teatro Regio Ducale di Milano. Gli interpreti principali dell’opera, che torna a Vicenza dopo 37 anni, sono stati selezionati dal Concorso Lirico Tullio Serafin, organizzato grazie all’ospitalità ed alla collaborazione del Teatro alla Scala di Milano, Teatro dell’Opera di Roma e Teatro Real di Madrid. Il ruolo del protagonista “Mitridate” è stato affidato al tenore australiano Shanul Sharma, Nina Solodovnikova (Aspasia), Darija Augustan (Sifare), Franko Klisovic (Farnace), Martina Licari (Ismene), Alfonso Zambuto (Marzio), Gloria Giurgola (Arbate), maestro direttore e concertatore al cembalo sarà Luca Oberti alla guida dell’Orchestra del Festival Vicenza in Lirica mentre la regia sarà di Natale De Carolis. Giorgia De Luca (danzatrice solista), Luca Rossi e Francesco Motta (attori). Costumi, scenografia e trucco saranno affidati all’Accademia delle Belle Arti di Verona, con la quale il Festival ha instaurato un rapporto di collaborazione che vedrà impegnati alcuni allieviinsieme ai loro docenti.

L’opera sarà riproposta il 12 settembre per la serata conclusiva del Festival.

Altri eventi

Al ricco cartellone del Festival 2021 si aggiungono ulteriori appuntamenti inerenti la formazione e le nuove proposte editoriali.

Per quanto riguarda la formazione verranno proposte le Masterclass di alta formazione in canto lirico tenute da docenti di fama internazionale, tra cui Laura Polverelli, Alberto Mastromarino e Renata Lamanda.

Il secondo progetto formativo riguarda l’Opera-Studio atta a perfezionare e a far debuttare i solisti selezionati per interpretare uno dei ruoli previsti dalle opere in cartellone. L’Opera-Studio 2021 preparerà al debutto 7 giovani solisti che debutteranno nell’opera Mitridate, re di Ponto di Mozart ed avrà come docenti il contralto Sara Mingardo (per quanto riguarda la preparazione dei recitativi), il regista e cantante lirico Natale De Carolis (per quanto riguarda l’arte scenica e la messa in scena) ed il maestro Luca Oberti che curerà l’aspetto musicale e la direzione del capolavoro mozartiano, oltre alla trascrizione dell’opera stessa.

Young Artists’ Future è il nome del progetto che il Festival ha voluto dare al programma di formazione riguardante le masterclass e l’Opera-Studio

Il titolo vuole mettere in risalto l’importanza dei giovani talenti per il futuro dell’Opera. Ogni masterclass si concluderà con un concertogratuito aperto al pubblico. Il27 agostopresso ilchiostro della Chiesa di San Lorenzoalleore 20.45 un fuori festival con il concerto degli allievi delle masterclass di Laura Polverelli, Renata Lamanda e Alberto Mastromarino, grazie al sostegno del Comune di Vicenza. Il 31 agostopressol’Oratorio di San Nicolaalle ore 21 si terrà il concertodegli allievi della masterclass tenuta dal soprano Sara Mingardo accompagnato al pianoforte da Marco Madrigal.

Quattro saranno le proposte letterarie, inserite nel programma Parole sotto le Stelleche il Festival presenterà al pubblico nella straordinaria cornice della Stamperia d’Arte Busato di Vicenza, Caffè Galla e Giardino del Teatro Olimpico.

I primi ospiti saranno Fabio Larovere e Andrea Faini, lunedì 30 agosto alle ore 21 con il libro Ve W – Perché non possiamo fare a meno di Giuseppe Verdi e Richard Wagner, prefazione di Alberto Mattioli edito da Massetti Rodella Editori. Il secondo appuntamento previsto per lunedì 6 settembrealle ore 21 vedrà Giorgio Appolonia con il libro Il basso rossiniano, edizioni Lemanna. Il terzo appuntamento “Letture in Giardino” si terrà presso il giardino del Teatro Olimpico sabato 11 settembre alle ore 11, ospiterà il libro “Il violino di filo” di Matteo Grimaldi edizione Giunti. Il quarto e ultimo appuntamento, che si terrà il 12 settembre alle ore 18 presso il Galla Caffè, ospiterà Alberto Mattioli con i suoi libri Pazzi per l’opera – Istruzioni per l’abuso del melodrammaeVa pensiero editi da Garzanti. Relatore Cesare Galla. Grazie a Parole sotto le stelle il pubblico presente avrà anche l’opportunità di conoscere più da vicino, attraverso unavisita guidata, la straordinaria Stamperia d’Arte che si annovera tra le più ricercate a livello Internazionale, compiendo un fantastico viaggio artistico tra le parole e l’arte litografica.

Anteprima Vicenza in Lirica racchiude due appuntamenti dedicati alla presentazione dei titoli principali del Festival: La Betulia liberata e Mitridate, re di Ponto di Mozart. Le prove generali, previste rispettivamente per le giornate del 27 agostoe del 7 settembrealleore 21 e alle ore 20,30 alTeatro Olimpico di Vicenza, saranno aperte al pubblico che vi può partecipare a fronte di un biglietto ridotto. Speciali agevolazioni ai giovani under 30 che possono entrare alla prova pagando un biglietto speciale di 8 euro.

Si rinnova anche per l’edizione 2021, sebbene con modalità molto limitate, per far fronte alle disposizioni anti-Covid imposte dalle autorità competenti, la speciale collaborazione tra il Festival e Confartigianato Imprese Vicenza, che ospiterà la quarta edizione del workshop Artigiani all’Opera!. Il workshop è un “backstage di formazione” unico nel suo genere e riservato ad un gruppo di imprenditori associati a Confartigianato Imprese Vicenza, attivi in settori affini allo spettacolo.

Altra importante collaborazione, consolidata per questa edizione del Festival, è quella rinnovata con il liceo Guarino Veronese di San Bonifacio (Vr). Grazie alla sensibilità del dirigente scolastico professor Maurizio Bianchi.

Perseguendo l’obiettivo di formare ed avvicinare i giovani al mondo dell’opera lirica, si è istaurata inoltre una collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Verona, affidando agli allievi la sezione di sartoria, trucco e scenografia dell’opera Mitridate, re di Ponto. Un grande lavoro di squadra che coinvolgerà, oltre agli allievi, anche i loro docenti, che lavoreranno in sinergia con il regista dell’opera Natale De Carolis. 

Per il terzo anno consecutivo il Festival ha ottenuto il patrocinio della Fondazione Teatro La Fenicedi Venezia realizzando un significativo “ponte” culturale con uno dei teatri più importanti del mondo. La sensibilità del Sovrintendente Fortunato Ortombina ha permesso al Festival di godere di questo particolare patrocinio.

La parte delle illustrazioni degli eventi principali del Festival sono state create in esclusiva dall’architetto Matteo Bianchi che, per l’occasione, ha scelto una scala cromatica di colori ispirata sia al programma musicale della manifestazione che ai luoghi che la ospitano. 

Un altro obiettivo che distingue il Festival fin dal primo anno e che in questo momento diventa ancor più decisivo, è quello concentrato sulle borse di studio e l’ospitalitàper i giovani artisti.

Un ulteriore modo per appoggiare il percorso professionale di questi artisti è dare loro ospitalità durante il soggiorno a Vicenza attraverso l’iniziativa Adotta un musicista,lanciata dal Festival nel 2015, un’esperienza unica che arricchisce anche la famiglia ospitante.

Sempre sul fronte dell’accoglienza, anche per l’edizione 2021 il Festival Vicenza in Lirica deve un ringraziamento speciale all’Hotel Viest che per tutto il periodo della manifestazione metterà a disposizione camere per alcuni artisti e sale per le prove, utili all’allestimento delle opere ed al workshop “Artigiani all’opera”!

Per qualsiasi informazione inerente le donazioni per le borse di studio e per aderire al progetto Adotta un musicistasi può scrivere un’email a: info@vicenzainlirica.it oppure chiamare il numero 349 6209712. 

Quest’anno ancor più forte ed incisivo deve essere il ringraziamento agli sponsor che con coraggio e grande sensibilità hanno confermato il loro sostegno e sono concreta e fondamentale linfa vitale per la manifestazione. Anche le collaborazioni nascono dal desiderio, fortemente voluto dalla direzione artistica, di creare un forte e collaborativo legame con le istituzioni di altre città al fine di promuovere un cartellone sempre più ricco e diversificato. A tale scopo si sono rinnovate le collaborazioni con il Teatro La Fenice di Venezia, Confartigianato Imprese Vicenza (con il progetto “Artigiani all’Opera!” e con le borse di studio ai giovani artisti) con il Liceo Guarino Veronese di San Bonifacio (Vr) sia nella realizzazione di uno spettacolo, sia come presenza durante una serata all’opera, con l’Archivio storico Tullio Serafin ed il suo Concorso lirico e con il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, protagonista di uno straordinario concerto a Vicenza e istituzione ospitante il Festival a Milano. Già confermate alcune nuove collaborazioni nell’ambito del nuovo progetto Vicenza in Lirica fuori le mura con il Comune di Lonigo ed il suo straordinario Teatro Comunale, la Città di Cavarzere con il Teatro Tullio Serafin.

Info e biglietteria Festival Vicenza in Lirica 2021

Una ripartenza che avviene dopo uno dei momenti di chiusura più lunghi e sofferti per tutti e, in modo particolare, per i luoghi della cultura. La riapertura avverrà con le ben note limitazioni di cui tanto si è parlato: il Teatro Olimpico sarà occupato per circa 50% della capienza, sarà obbligatorio tenere la mascherina per tutto il tempo del concerto, mantenere il distanziamento e non creare assembramenti in entrata e in uscita. Gli accessi sono controllati e accessibili previa misurazione della temperatura corporea e l’obbligo della mascherina.

Si ricorda che per l’accesso agli spettacoli è obbligatorio il GREEN PASS da esibire con un documento d’identità. 

BigliettiPROVE GENERALI APERTE AL PUBBLICO
27 agosto (Betulia liberata) e 7 settembre (Mitridate, Re di Ponto)
biglietti settore unico: intero € 25,00 – ridotto € 20,00 – giovanissimi (fino a 25 anni) € 8,00

CONCERTI E OPERA AL TEATRO OLIMPICO
28 agosto (Betulia liberata), 9 e 12 settembre (Mitridate, Re di Ponto)
biglietti gradinata centrale: intero € 60,00 – ridotto € 50,00 – convenzionato € 45,00;
biglietti gradinata laterale: intero € 40,00 – ridotto € 35,00 – convenzionato € 30,00 – giovanissimi (fino a 25 anni) in gradinata laterale € 15,00
29 agosto: biglietto unico € 30,00 a favore di Assi Gulliver

ALTRI CONCERTI E OPERA
2 settembre (Viaggio in Italia), 4 settembre (Le Grazie vendicate), 5 settembre (Le Quattro Stagioni): biglietto unico € 10,00
8 settembre (Passioni dantesche in musica): biglietto intero € 20,00 – ridotto € 15,00

I biglietti ridotti sono validi per gli under 30 e over 65 anni.
I biglietti convenzionati sono riservati ai possessori delle carte fedeltà: A&O, Famila ed Emisfero, abbonati del Teatro La Fenice e sono acquistabili solo in biglietteria o su prenotazione.
I biglietti riservati ai giovanissimi sono acquistabili solamente in biglietteria e non sono cedibili.
TUTTI GLI SPETTACOLI RISPETTERANNO LE NORME ANTI-COVID VIGENTI

Festival Vicenza in Lirica 
l’Opera è Giovane 28 agosto – 12 settembre 2021 direzione artistica di Andrea Castello
Informazioni info@vicenzainlirica.it

Tel. +39 3496209712

Ufficio Stampa Studio Pierrepi Alessandra Canella
Ref. Federica bressan  ufficiostampa@studiopierrepi.it  cell

Masterclass di canto lirico con Renata Scotto

Regolamento

Art. 1 – Master class – sede – lezioni

L’associazione culturale Concetto Armonico organizza le masterclass di alto perfezionamento in canto lirico all’interno della programmazione del nono Festival “Vicenza in Lirica”. Per l’anno 2021 organizza la masterclass con il soprano Renata Scotto (29, 30, 31 agosto) presso l’oratorio di San Nicola (Contrà Mure San Rocco – Vicenza). La master class sarà accompagnata al pianoforte dal Maestro Marcos Madrigal.

Art. 2 – Ammissione: limiti di età – audizione per i soli allievi effettivi

Sono ammessi a partecipare cantanti di qualsiasi nazionalità. Il limite di età per partecipare alla master class è fissato ad anni 32. Potranno partecipare allamasterclass al massimo 10 allievi effettivi e al massimo 15 allievi uditori.

Per partecipare alla master class in qualità di allievo effettivo, il candidato dovrà sostenere un’audizione online. L’audizione avverrà tramite l’invio del link di due registrazioni audio e video (non modificata/perfezionata in studio) entro il 4 agosto 2021 a: masterclass@concettoarmonico.it.
L’audizione è gratuita. La direzione artista sceglierà i dieci partecipanti alla master class e comunicherà il risultato solamente agli idonei. Il giudizio finale della direzione artistica è inappellabile e definitivo, sono escluse le vie legali.

Documentazione richiesta per l’iscrizione all’audizione

  1. scheda d’iscrizione debitamente compilata e firmata (scaricabile dal sito www.vicenzainlirica.it oppure www.concettoarmonico.it);
  2. breve Curriculum Vitae (in formato .doc/.rtf/.pdf);
  3. copia del documento d’identità (in formato .jpeg/.gif/.png).
  4. Per i soli candidati che intendono svolgere la masterclass come allievo effettivo: il link ad un file audio mp3 o video mp4 (ad es. via Dropbox, Drive, YouTube, WeTransfer, ecc)

Le domande che dovessero pervenire incomplete o senza firma non verranno prese in considerazione.
L’associazione Concetto Armonico invierà mail di conferma.

I candidati ammessi dalla direzione artistica dovranno perfezionare l’iscrizione alla master class con la compilazione della “Scheda d’iscrizione allievi effettivi” e con il versamento della quota di partecipazione come indicato al successivo articolo.

Art. 3 – Modalità di pagamento per gli allievi effettivi

La quota di partecipazione alla masterclass è di € 300,00 (trecento/00 Euro), comprensiva di tessera associativa a socio simpatizzante di Concetto Armonico di € 25,00 (venticinque/00). La tessera ha validità un anno. Chi dovesse già essere in possesso della tessera associativa valida al 31 agosto 2021 verserà la quota di € 275,00 (duecentosettantacinque/00). La quota di partecipazione andrà versata entro una settimana dalla comunicazione.

CONCETTO ARMONICO – ASSOCIAZIONE CULTURALE
BCC CENTROVENETO, Filiale di Vicenza
IBAN: IT60 O085 9011 8000 0008 1026 140
BIC: CCRTIT2TBCV
Causale: NOME COGNOME iscrizione masterclass Renata Scotto Vicenza in Lirica 2021

NB: Si prega di indicare il nome e cognome di chi s’iscrive
Tale quota non sarà rimborsabile in caso di rinuncia del partecipante.

Art. 4 – Allievi uditori

Sono ammessi 15 allievi uditori. La quota di frequenza per gli allievi uditori e di € 75,00 (Settantacinque/00), comprensiva di tessera associativa. Chi fosse già in possesso della tessera associativa Concetto Armonico valida al 31 agosto 2021, verserà solamente € 50,00. Per partecipare alla master class dovranno inviare entro il 4 agosto 2021 a: masterclass@concettoarmonico.it la “Scheda d’iscrizione allievi uditori” compilata in ogni sua parte, perfezionare la quota di frequenza al momento dell’iscrizione ed inviare la contabile dell’avvenuto pagamento, pena l’esclusione dal progetto. Avranno l’obbligo di frequenza dell’80% delle ore totali per ricevere l’attestato di frequenza. Potranno intervenire con discrezione alla masterclass porgendo domande al Maestro nei momenti consentiti

Art. 5 – Frequenza.

Gli orari delle masterclass con le relative pause, verranno concordati dal docente insieme agli allievi iscritti. Gli allievi avranno l’obbligo di frequenza di almeno l’80% delle ore totali di lezione. Nel caso in cui l’allievo non frequenti l’80% delle ore totali non riceverà l’attestato finale.

Art. 6 – Annullamento.

L’organizzazione si riserva la facoltà di annullare la masterclass qualora non si presentasse il numero sufficiente di partecipanti o qualora cause indipendenti dalla propria volontà ne impediscano il regolare svolgimento. In questi casi agli iscritti verrà rimborsata la quota di partecipazione alla master class

Art. 7 – Concerto finale.

Gli allievi effettivi che siano pronti ad esibirsi in pubblico (l’insegnante e la direzione artistica valuteranno attentamente il grado di preparazione dell’allievo), parteciperanno al concerto finale che si terrà il 31 agosto alle ore 21 presso l’Oratorio di San Nicola. Gli allievi che parteciperanno al concerto non riceveranno alcun compenso o rimborso spese per la prestazione. L’allievo dovrà assicurare la propria presenza al concerto, senza eccezioni di sorta. L’attestato di partecipazione verrà consegnato a tutti gli allievi (effettivi e uditori) alla conclusione del concerto finale.

Art. 8 – Riprese di immagini, audio e video.

Effettuando l’iscrizione, il partecipante alla masterclass dà il proprio consenso per riprese e trasmissioni radiofoniche e televisive, per riprese di immagini come pure su nastri audio e video realizzate nell’ambito delle lezioni, delle prove, dei concerti e delle recite operistiche, eseguite dall’organizzatore stesso o da persone o istituzioni incaricate. In particolare, il partecipante cede all’organizzazione tutti i diritti delle riprese d’immagine, sonore e video per qualsiasi utilizzo in relazione all’evento. L’organizzazione si riserva il diritto di utilizzare immagini, registrazioni audio e video per la promozione in relazione al presente evento o a futuri eventi oppure di pubblicare le registrazioni sonore e video a scopo dimostrativo e promozionale.

Art. 9 – Conclusioni finali.

Gli organizzatori declinano ogni responsabilità da rischi e danni di qualsiasi natura a persone, cose o altro che dovessero derivare agli allievi durante lo svolgimento delle lezioni.
L’iscrizione alla masterclass comporta l’accettazione incondizionata al presente regolamento di ammissione.
Vale la versione in Italiano del presente bando.


In ottemperanza al DL n.105 del 23/07/2021, a partire dal 6 agosto 2021 sarà obbligatoria la presentazione della certificazione verde Covid-19 (Green Pass) per accedere agli spettacoli e attività del festival: saranno accettate certificazioni comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 (validità 9 mesi) o la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi) oppure l’ effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).
In mancanza della documentazione necessaria non sarà consentito l’accesso allo spettacolo o alla masterclass e non sarà possibile alcun rimborso

Alla masterclass ogni allievo è tenuto a:

  • indossare la mascherina durante tutto il tempo di permanenza e toglierla solamente durante la propria lezione;
  • rispettare l’assegnazione del proprio posto, non è consentito occupare posti diversi anche se liberi o scambiarsi di posto.
  • evitare gli assembramenti;
  • mantenere la distanza di almeno 1 metro dagli altri artisti
  • esibire la propria certificazione verde COVID-19 e documento di identità;
  • utilizzare prodotti per l’igiene delle mani, disponibili in corrispondenza degli accessi

Le disposizioni sopra indicate potranno subire variazioni a seguito di eventuali aggiornamenti delle normative vigenti in tema di Covid-19


Il Festival Vicenza in Lirica assegna 4 premi al Concorso lirico internazionale Ottavio Ziino

Comunicato stampa n. 11

Il Festival Vicenza in Lirica un’opportunità verso i giovani artisti.
Andrea Castello portavoce di cultura musicale per la Città di Vicenza al
Concorso lirico internazionale Ottavio Ziino di Roma

Andrea Castello assegna 4 premi al Concorso lirico internazionale Ottavio Ziino di Roma

Ancora una volta il Festival Vicenza in Lirica, grazie alla sensibilità del suo direttore artistico, si rende portavoce internazionale di cultura per la città di Vicenza. 

Andrea Castello, ha premiato infatti quattro giovani artisti durante la diciannovesima edizione del Concorso lirico internazionale Ottavio Ziino, cui era presente quale direttore artistico del Festival, svoltosi a Roma dal 18 al 21 giugno grazie all’impegno di Wally Santarcangelo, suo direttore artistico, sempre sensibile in modo indiscusso verso la cultura musicale e i giovani. 

Durante la finalissima del Concorso al termine dei lavori della giuria, presieduta da Dominique Meyer Sovrintendente del Teatro alla Scala, Castello ha voluto concedere quattro premi straordinari offerti dall’Archivio storico Tullio Serafin e dal Festival Vicenza in Lirica: al baritono Eduardo Martinez e ai soprani Maddalena De Biasi, Barbara Massaro e Elisa Verzier. Ad Edoardo Martinez giovanissimo talento di soli 18 anni arrivato dal Messico, è stato offerto un percorso formativo di tre settimane durante il Festival Vicenza in Lirica, con la possibilità di prendere parte a tutte le attività proposte come uditore, dalle master class all’Opera-Studio, dai concerti alle conferenze. 

Eduardo Martinez arriverà a Vicenza nei primi giorni di agosto, sempre sostenuto dall’associazione Concetto Armonico, per imparare anche la lingua italiana. A Maddalena De Biasi è stato affidato il ruolo di “Talia” e a Barbara Massaro il ruolo di “Aglaja” entrambi nell’opera “Le Grazie vendicate” di A. Caldara in cartellone al festival in prima esecuzione assoluta in tempi moderni, con un’edizione curata dal Maestro Carlo Steno Rossi. Il soprano Elisa Verzier prenderà invece parte al concerto benefico a favore di ASSI Gulliver, previsto il 29 agosto alle ore 21 al Teatro Olimpico.

Vedendo talenti così giovani mi sono emozionato – dice Castello – Certo, il lavoro da fare e lo studio sono ancora lunghi, ma ho voluto seguire lo spirito del Maestro Serafin che credeva nei giovani e, anche se inizialmente non erano preparati, vedeva in loro un futuro e una carriera. Eduardo avrà un futuro roseo, sempre se seguirà con cura il proprio strumento vocale, sapendo anche dire dei “no” soprattutto in questa giovane etàe prosegue parlando dei giovani soprani premiati – questi sono giovani soprani con grandi qualità vocali che meritano di fare esperienza al festival per essere poi proposti anche ai grandi teatri. Un festival ha il compito di formare e di dare opportunità concrete ai giovani, soprattutto a coloro che dallo scoppio della pandemia sono stati completamenti disoccupati e anche esclusi dallo streaming, operazione a cui mi sono sempre opposto e che si è dimostrata come prevedevo: un’opportunità per pochi artisti già in carriera”. 

Così conclude Andrea Castello, sempre disponibile alle collaborazioni ed alle sinergie, orgogliosamente consapevole di aver riportato in città i nomi della grande lirica oltre che aver creato una grande opportunità per i giovani artisti.

Con questo spirito di iniziativa e originalità, il festival aspetta il pubblico dal 28 agosto al 12 settembre, con un ricco programma visibile consultabile interamente su vicenzainlirica.it

Un altro segno di tangibile sostegno ai giovani cantanti lirici

Un altro segno di tangibile sostegno ai giovani cantanti lirici, messo in luce dal Concorso Lirico Tullio Serafin, durante la serata finale del 14 giugno al Teatro Olimpico di Vicenza.

Sono stati assegnati alcuni preziosi premi ai finalisti del Concorso lirico Tullio Serafin, lo scorso 14 giugno al teatro Olimpico di Vicenza, messi a disposizione dai membri della Giuria Critica (giornalisti, critici musicali e direttori di testata). In particolare “OperaClick” rappresentata da Martino Pinali ha deciso di premiare Claudia Urru con l’inserimento gratuito di una propria scheda informativa nell’archivio artisti tenendola in evidenza in homepage per 15 giorni; Federica Fanizza di “Artenews.it” ha premiato Martina Licari con un book fotografico da realizzarsi in un luogo storico; Alessandro Cammarano di “Le Salon Musicalha premiato Luigi Morassi con un’intervista per la sua testata; Alan Neilson di “Opera Wire” ha premiato Martina Licari con un intervista. “Musica” di Nicola Cattò e “GbOpera” di Giorgio Bagnoli, concederanno invece un’intervista ai vincitori.

Un importante contributo che rafforza il futuro di questi giovani, mettendone in particolare evidenza il talento e la qualità.

Nota integrativa al comunicato stampa n. 10/2021 del 16 giugno 2021

Proclamati i vincitori del Concorso lirico Tullio Serafin

Si è concluso il 14 giugno al teatro Olimpico di Vicenza, il Concorso lirico Tullio Serafin che, dopo le tappe a Roma, Milano e Madrid, ha portato nella città palladiana la sua straordinaria finale.

Vincitori del Concorso lirico Tullio Serafin 2021, foto: COLORFOTO ARTIGIANA

I sedici finalisti concorrevano per l’assegnazione di uno dei ruoli presenti nell’opera “Mitridate, Re di Ponto” di Mozart, che verrà eseguita il 9 e 12 settembre al Teatro Olimpico durante il festival “Vicenza in Lirica”. Vincitrice per il ruolo di Aspasia è stata Nina Solodovnikova, per il ruolo di Sifare Darija Auguštan, per il ruolo di Arbate Gloria Giurgola, per il ruolo di Farnace Franko Klisović e infine, per il ruolo di Ismene Martina Licari. Non è stato aggiudicato il ruolo di Marzio. Non avendo ricevuto alcuna iscrizione per il ruolo di Mitridate, la direzione artistica ha affidato la parte a Shanul Sharma. Sono stati assegnati anche due premi speciali, l’uno messo a disposizione dalla Fondazione Renata Tebaldi rappresentata da Barbara Andreini ed un secondo dal Concorso lirico Internazionale Ottavio Ziino rappresentato da Wally Santarcangelo.  La Fondazione Renata Tebaldi ha scelto di premiare Darija Auguštan e Martina Licari con un concerto durante le celebrazioni a San Marino 2022 dedicate a Renata Tebaldi, ugualmente il Concorso Ziino ha premiato Veronica Marini con un concerto inserito nella loro programmazione.

Il compito di scegliere i protagonisti dell’opera è stato affidato ad una straordinaria giuria composta da Dominique Meyer, Sovrintendente del Teatro alla Scala e presidente del Concorso, Pierangelo Conte (direttore artistico del Teatro Carlo Felice), Marco Tutino (compositore), Barbara Frittoli (soprano), Marco Angius (Orchestra di Padova e del Veneto), Sherman Lowe (maestro di canto), Barbara Andreini (Fondazione Renata Tebaldi), Cecilia Gobbi (Fondazione Tito e tilde Gobbi), Eleonora Pacetti (Teatro dell’Opera di Roma), Wally Santarcangelo (Concorso lirico internazionale Ottavio Ziino), Andrea Castello (presidente dell’Archivio storico Tullio Serafin e direttore artistico del Festival Vicenza in Lirica).

Una seconda giuria formata da giornalisti, critici, e direttori di testata ha assegnato il “Premio della critica Lukas Franceschini” di euro 700,00 a Martina Licari. La giuria formata da Roberto Mori (Connessi all’Opera), Cesare Galla, Alessandro Cammarano (Le Salon Musical), Gilberto Mion (Teatro.it), Federica Fanizza (ArteNews), Martino Pinali (Operaclick), Alessio Solina (Opera Libera), Davide Cornacchione (OperaTeatro), Fabio Larovere (L’Opera), Maria Teresa Giovagnolli (MTG Lirica), ha inoltre assegnato alcuni premi speciali ad alcuni dei finalisti.

Il Sindaco Francesco Rucco, presente alla finale, oltre a salutare il numeroso pubblico presente, gli artisti e le giurie, ha espresso particolare apprezzamento per la lodevole iniziativa che in questo 2021 ha fatto tappa nella città di Vicenza, grazie all’insigne maestro Tullio Serafin. Presente anche Paolo Fontolan, Vicesindaco e Assessore alla cultura del Comune di Cavarzere, città natale del Maestro Serafin, che con grande emozione ha salutato il pubblico presente, evidenziando ancora una volta l’importanza del grande maestro nel panorama internazionale musicale.

Un parterre di lusso che accoglieva numerosi ospiti prestigiosi, ha tributato una grande accoglienza ai giovani artisti che si sono esibiti. Durante la serata è stato letto da Andrea Castello il commovente messaggio inviato dalla Senatrice a vita e Cittadina Onoraria di Vicenza Liliana Segre.

INSIEME
Vincitori del Concorso lirico Tullio Serafin 2021, foto: COLORFOTO ARTIGIANA

Sono soddisfatto del grande e delicato lavoro che abbiamo saputo gestire per organizzare uno dei più grandi concorsi lirici internazionali. Un lavoro che si va ad aggiungere alla grandezza del festival Vicenza in Lirica, apprezzato anche dalla Senatrice a vita Segre” afferma Andrea Castello – “riportare Tullio Serafin al Teatro alla Scala, all’Opera di Roma al Teatro Real di Madrid è stato importante, sia per la nostra Italia, sia per il piccolo paese di Rottanova che gli diede i natali. Straordinario il livello dei cantanti e difficile la scelta, ma sono consapevole che anche i “no” servono da bagaglio per la carriera dei giovani artisti”.

Appuntamento dal 28 agosto al 12 settembre con il vasto cartellone di Vicenza in Lirica, che per l’anno 2021 ha scelto come sottotitolo uno slogan singolare ricco di molteplici significati: “L’Opera è giovane”.