Carolina Cubria

make-up artist

Spagnola di nascita, lavora professionalmente come make-up artist e costumista da oltre 25 anni. Laureata nella Real Escuela de Arte Dramàtico de Madrid (1991) comincia la sua formazione internazionale in trucco e acconciatura per lo spettacolo, cinema e teatro a Londra e Berlino. Completa i suoi studi nel Instituto de Arte del Teatro Colón di Buenos Aires con una laurea specialistica in costumi, parrucche e trucco per l’opera e danza.

Inoltre ha partecipato a produzioni liriche e teatrali al Teatro Classico di Madrid, all’Arena di Verona e al Teatro Olimpico e al Comunale di Vicenza con registi di fama internazionale tra cui Franco Zeffirelli, Gianfranco de Bosio, Pierluigi Pizzi, Roberto Recchia, Neumuntas Nekrosius, Emma Dante, Andrei Konchalovsky, Angelica Liddell, Alexandr Sokurov, Alessandro Barrico e Robert Wilson, per citare alcuni. Radicata in Italia dal 1997 collabora con studi fotografici, case di produzione cinematografiche e teatrali sia nella creazione di character desing, trucco e effetti speciali che nella realizzazioni di parrucche e costumi per lo spettacolo, la pubblicità, il cinema e il teatro.

Come formatrice ha impartito diversi corsi e workshop a Madrid, Santander, Vicenza, Mérida e Buenos Aires.

Francesco Erle

direttore d’orchestra

Conseguiti i diplomi in pianoforte con Ezio Mabilia e Gino Gorini e in Composizione cum laude con Wolfango Dalla Vecchia e contemporaneamente con Bruno Coltro, studiato Clavicembalo e Basso Continuo con Barbara Sachs e seguiti corsi internazionali di Direzione, intreccia attività di compositore e direttore soprattutto con la sua Schola S.Rocco (che fonda nel 1993), complesso con attività concertistica in varie formazioni e grande repertorio, che collabora da oltre 15 anni con Sir Andras Schiff e la sua Cappella Barca, per produzioni di Bach, Haydn, Mozart, Schubert, Beethoven, Schumann per il Festival al Teatro Olimpico.

Dedicatosi particolarmente negli ultimi anni alla ricerca sui grandi autori veneziani, ha dato per Fondazione Levi con la Orchestra Barocca della Scuola di Musica Antica del Conservatorio di Venezia la prima esecuzione della Messa di Quattro Cori di Legrenzi (pubblicato in DVD), ricostruito poi nella stessa situazione Passio Venetiae, una celebrazione di passione veneziana con musiche di Rovetta, e lo scorso febbraio per La Fenice ha diretto con grandissimo apprezzamento della critica „Zenobia, Regina di Palmireni“, di Tomaso Albinoni, edita da Franco Rossi e con la regia di Francesco Bellotto. Con Schola San Rocco ha diretto anche Missa Sapientiae di Antonio Lotti, e darà dello stesso autore nei prossimi mesi la Messa di 3 cori, e la prima esecuzione in tempi moderni del Kyrie per tre cori per la notte di Natale del 1706, che sta editando.

Con Schola San Rocco, Coro e Orchestra, ha dato vita a “Orfeo e Euridice” di Gluck in teatro Olimpico per “Vicenza in Lirica” nel 2015, e nel 2016 a Vespro della Beata Vergine, di Monteverdi e l’anno seguente con grandissimo successo di critica e pubblico Orfeo di Monteverdi.

Ha diretto concerti in Italia, Germania, Francia, Austria, Svizzera, per Stagioni Concertistiche e Festival, tra cui Biennale di Venezia, Festival della Fenice, Festival di Bologna, Festival di Steyr, Festival di Gstaad, Festival Galuppi, spesso editando e dirigendo prime esecuzioni in epoca moderna o opere ineseguite (come Sinfonia e Cori per Edipo Re di Pacini incisi per Accademia Olimpica, o Concerto per Archi di Malipiero 1954 per Fondazione Cini), collaborando con compositori per prime esecuzioni (Ennio Morricone per „Pietre“ con M.Brunello e Ensemble Italiano di Percussioni, Wolfango Dalla Vecchia per „Kyrie e Gloria“ con Orchestra del Teatro Olimpico, Giovanni Bonato per Lied das Laerche e altre composizioni, Michele Tadini per Requiem_#2065 con il Coro della Fenice per La Biennale di Venezia, Pierangelo Valtinoni, Paolo Troncon per Marco Goldin e Linea d’Ombra…), o particolari orchestrazioni come per la recentissima versione del Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi, in Teatro Olmpico di Vicenza e nella Basilica dei Frari di Venezia.

Ha curato ricostruzioni di opere antiche rimaste mutile come i due Concerti per due violini da La Cetra di Vivaldi (per Arte dell’arco e Giovanni e Federico Guglielmo incisi per Dynamic), o l’Opera Marina di Malombra di Bossi assieme a Pierangelo Valtinoni (Comunale di Bologna), e curato edizioni per l’esecuzione come per Messa in re di Pergolesi con Gemma Bertagnolli, diretto per Fondazione Levi la inedita Messa per Quattro Cori e Motetti di Giovanni Legrenzi, e ideato assieme a Franco Rossi „Passio Venetiae“, musiche inedite di passione di Giovanni Rovetta.

Ha con la Schola collaborato con direttori d’orchestra (Andras Schiff, Niels Muus, Leon Spierer, Giancarlo Andretta, Giovanni Battista Rigon…), solisti (Mario Brunello, Saimir Pirgu, Akiko Nakajima, Ruth Ziesak, Robert Holl…), Registi (Gianfranco De Bosio, Dominique Mentha, Damiano Michieletto…), Orchestre (Cappella Andrea Barca, Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, Accademia di San Rocco, Orchestra del Teatro Olimpico, Filarmonia Veneta, Streicher Akademie Bozen, La Pifarescha, Il Tempio Armonico, Archicembalo Ensemble…).

Le incisioni da lui dirette hanno colto successo preso la critica e premi dalla stampa specializzata, come per Chori per Edipo di Gabrieli (tutta la stampa nazionale), Metabolè con Saverio Tasca (Premio Audiophile sound), Missa Jazz di Alfredo Impulliti (con Paolo Fresu, Tino Tracanna, Gianluigi Trovesi e Pierre Favre), Messiah, fino a I Predatori Musica Perduta, Choral Fireworks, Wolfango Dalla Vecchia Opere Sacre, Hersant music for bassoon and choir.

Ha inciso con Velut Luna, Tactus, Brilliant, Nuova Era, Naxos, Agorà, Linea d’Ombra, Soul Note. Come compositore, ha scritto per solisti e gruppi da camera (tra cui „Sette Conversazioni a Montargis“ per viola e pf., oppure „Montecristo 5,4,9“ per clarinetto e pf., „Rime Armoniche“ su Gesualdo da Venosa comissionato e eseguito da Ensemble Musagete, o „Madregale Variazionie Concerti per Poli Anas“ per doppio quintetto commissionato dal CISA, „Ave Verum Corpus“ per coroeseguito al Carnegie Hall a New York, „Studi per Coro“ con Scola S.Rocco, o il „Te Deum“ per Soprano, doppio quartetto di fiati e 4 cori scritto in occasione del Millenario della Basilica di Torcello, „Fanta-Jones“ commissionato da M.Lincetto di Velut Luna, o la orchestrazione di due Arie antiche incise da Saimir Pirgu e Haydn Orchester Bozen diretta da Gustav Kuhn), per orchestra e coro e orchestra (come „Metexeis“ per orchestra d’archi eseguita in St.Etheldreda a Londra, „Piccola Fantasia di Natal Veneti“ per Orchestra del Teatro Olimpico, o „Tre Canti per Soli, sound file e pubblico“ per Fondazione Zoè), musiche per mostre (come Lettura Tiranna per Musei Civici di Vicenza).

Per il teatro ha scritto e diretto le musiche per „Il Gioco del Palazzo“ di Howard Burns, e i fortunati „Pigafetta: in finis terrae exivit sonus eorum“ e „Odisseo“, di cui è anche autore, e „Elettra“, tutti per il Teatro Stabile del Veneto.

Insegna al Conservatorio di Venezia cui dedica energia per la didattica e la produzione, e per molti progetti come per le celebrazioni per G. Gabrieli nel 2012, e per le Battaglie su canali, rive e ponti “Musica sull’acqua”. Nel 2014 e nel 2015 è stato Direttore principale del Laboratorio di Musica Barocca a Villa Contarini del Consorzio dei Conservatori del Veneto per i Vespri Solenni per S.Pietro Orseolo orchestrati da B.Galuppi e eseguiti in Basilica di San Marco con prassi e posizioni antiche, e delle Esequie di Claudio Monteverdi alla Basilica dei Frari.

Incisioni

CD-ROM Le Fabbriche e i disegni di Andrea Palladio raccolti e illustrati da O.Bertotti Scamozzi 1996

CD A.Gabrieli: Chori per Edippo Tiranno CFCD08, 1999

CD Metabolè CVLD 03200, 1999

CD Alessandro Scarlatti: Davidis pugna e victoria, Oratorio. AG 249.1, 2000

CD Musica della Pietra: Morricone, Berio, Bonato, Erle CVLD 04300, 2000

CD A.Impuliiti: Missa, su Cantus Firmus tratti da temi di Duke Ellington 121368-2, 2001

CD Georg Fredrich Händel: Messiah, an Oratorio CFCD 023, 2003

CD Metabolè, II edizione VELUT LUNA AUD 064, 2006

CD F.Erle: Fantajones CFCD053, 2007

CD Mozart- de Gamerra: Il Flauto Magico 231717

DVD Rossini: Il Barbiere di Siviglia SMTO-DVD01

CD Rossini: L’Italiana in Algeri SMT02007

CD Edipo re: Musiche di scena per l’Olimpico. Giovanni Pacini 1847, Arrigo Pedrollo 1948 CFCD 68, 2009

CD Choral Fireworks. Live Advent Concert CVLD 206, 2010

DVD Raffaello verso Picasso: Marco Goldin racconta la mostra. Musica inedite di Paolo Troncon 023L Linea d’ombra

CD Villa-Lobos: The Guitar Manuscripts 1, Motivos Gregos Bissoli, Schola S.Rocco, Erle Naxos 8.573115 Naxos

CD Wolfango Dalla Vecchia: Opere Sacre, Damian, Schola S.Rocco, Celeghin, Erle, Tactus, TC 920401

CD Hersant: Music for bassoon, Andrea Bressan, Ex Novo Unsemble, Schola S.Rocco, Brilliant Classics, 5067366

DVD live Giovanni Legrenzi: Devozione Barocca e Sottogliezze d’Intendimento, Scuola di Musica Antica del Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, Erle, Fondazione Levi, FLD 005.

DVD live passio Venetiae: Concerto di Musiche di Giovanni Rovetta, ricostruzione di una Passione del ‘600 veneziano, Scuola di Musica Antica del Conservatorio “B.Marcello” di Venezia, Erle, Fondazione Levi, FLD 006

Sergio Gasparella

direttore d’orchestra

Si diploma in Pianoforte nel 2010 con il M° Romano Zancan dall’Alba al Conservatorio di Vicenza “A.Pedrollo” con il massimo dei voti e la lode. Nel 2013 conclude il triennio di Direzione d’Orchestra sotto la guida del M° Giancarlo Andretta presso il Conservatorio di Vicenza con il massimo dei voti e la lode. Successivamente partecipa a numerose masterclass con i maestri Douglas Bostock, Nicolás Pasquet, Gergely Madaras e Jorma Panula. Ha diretto diverse orchestre professionali: Orchestra di Padova e del Veneto, Argovia Philarmonic, Filarmonia Veneta, Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, Kuopio Symphony Orchestra, Orchestra da Camera della Spettabile Reggenza dei Sette Comuni di Asiago. Affascinato dal repertorio barocco e classico ha deciso di specializzarsi nella prassi antica perfezionando lo studio come maestro al cembalo con i maestri Lorenzo Feder e Takashi Watanabe. Attualmente affina il repertorio solistico con il maestro Wolfgang Gluxam.

Ha collaborato come continuista al cembalo con I Musicali Affetti e l’Accademia di Musica antica di Brunico. È direttore stabile della orchestra Crescere in Musica ed un ex studente del Liceo “F.Corradini” di Thiene.

Alberto Spadarotto

maestro del coro

Diplomato in Canto Lirico presso il Conservatorio “E. F. Dall’Abaco” di Verona, si perfeziona con il mezzosoprano Nadiya Petrenko. Ha debuttato come solista in diverse opere liriche (tra le quali Don Giovanni e Le Nozze di Figaro – W. A. Mozart, Il Barbiere di Siviglia – G. Rossini, L’Elisir d’Amore e Don Pasquale – G. Donizetti, The Telephone – G. Menotti, Pinocchio e La Regina delle Nevi – P. Valtinoni, La leggenda del saggio Artaban di D. Clapasson e O. De Carli) e sacre (come Magnificat, Matthäus-Passion e Messa in Si minore – J. S. Bach, Messiah – G. F. Händel, Requiem – W. A. Mozart, Petite Messe Solennelle – G. Rossini, The Crucifixion – J. Steiner e Requiem – G. Faurè).

Collabora con diverse formazioni come il Coenobium Vocale, il RossoPorpora Ensemble, l’ensemble De Labyrintho, l’Accademia del Concerto, Il Teatro Armonico, il Coro e Orchestra A. Palladio, il Vicenza Brass e la Lydian Sound Orchestra.

Presso l’“Istituto Musicale Veneto Città di Thiene” è docente di Canto Lirico, di Teoria Musicale e direttore del Laboratorio corale classico. Dal 2016 insegna Teoria Musicale presso il “Centro Studi Musicoterapia Alto Vicentino” di Thiene.

Promuove lezioni-concerto sull’opera lirica e tiene laboratori di vocalità per formazioni corali.

Crescere in Musica

orchestra

Il progetto “Crescere in musica”, ideato e coordinato dal prof. Paolo Dal Balcon, è nato nel 2007 da una iniziativa del Liceo Statale “F.Corradini” di Thiene con la finalità di promuovere da un lato la pratica e l’esercizio della musica classica tra i giovani, dall’altro di contribuire ad integrare la formazione culturale musicale degli studenti coinvolgendoli attivamente nella realizzazione di una serie di attività (corsi di perfezionamento, concerti, conferenze, letture e lezioni-concerto, concorsi) aperte anche a tutta la cittadinanza. Dal 2015 collabora al progetto, in convenzione col Liceo, il Conservatorio di Musica “A.Pedrollo” di Vicenza. Dal 2010 partecipano alle attività del progetto anche diverse istituzioni musicali thienesi (Scuola Media a indirizzo musicale “Bassani-Ferrarin”, Istituto Musicale Veneto, Associazione culturale “Ludus Musicae”, Coro Giovanile, Cororchestra di Thiene), che hanno istituito assieme al Liceo la rete “Pro Musica Thiene”. In seno alle iniziative didattiche sviluppate negli ultimi anni sono nati laboratori orchestrali e di musica da camera, lezioni, audizioni e masterclass dedicate non solo all’approfondimento del repertorio barocco e classico (dalle Cantate di Bach alle Sinfonie di Haydn, Mozart, Beethoven e Schubert), ma anche del ‘900 storico (Mahler, Stravinsky, Bartók, Copland, Ives, Shostakovich). Le esercitazioni orchestrali sono tenute da affermati maestri e didatti tra i quali Massimiliano Tieppo e Fabio Missaggia (archi) e Francesco Spendolini (fiati). È direttore stabile dell’orchestra “Crescere in musica” (CMO) il giovane maestro Sergio Gasparella. Il laboratorio orchestrale e di musica da camera, che attrae diversi studenti dai Conservatori del Veneto, offre anche ai giovani musicisti l’opportunità di incontrare, perfezionarsi e collaborare con illustri interpreti tra i quali ricordiamo Julius Berger, Massimo Somenzi, Francesco Galligioni, Ulrike Hofmann, Carlo Lazari, Lorenzo Feder, Marc Daniel van Biemen, Tamàs Major, Christophe Horak; e di lavorare a fianco di compositori riconosciuti in campo internazionale come Alissa Firsova e Giovanni Bonato, che per l’orchestra CMO ha scritto il brano Aylan, eseguito in prima assoluta nell’ambito del progetto Erasmus “Find Your Way Through Art” (2015-17). In collaborazione con Lorenzo Feder, Gemma Bertagnolli e la Classe di canto rinascimentale e barocco del Conservatorio di Vicenza, il progetto “Crescere in musica” ha iniziato un percorso di studio attorno all’opera di Purcell, mettendo in scena in forma semiscenica nel 2017 Dido and Aeneas e nel 2018 King Arthur, la cui esecuzione al Teatro Olimpico di Vicenza ha ottenuto notevoli riscontri da parte della critica specializzata italiana e straniera. Quest’anno si è concluso il ciclo purcelliano con l’allestimento dell’opera Fairy Queen.

Diverse istituzioni concertistiche e importanti festival hanno ospitato l’orchestra del progetto nelle loro stagioni: tra queste ricordiamo Asiago Festival, Stagione Concertistica di Chioggia, Vicenza in Lirica.

Schola San Rocco

coro

Fondata nel 1993, ha un’intensa attività concertistica in Italia e all’Estero, capace di un repertorio ampio ed impegnativo. Ha collaborato per “Omaggio a Palladio” con Sir Andras Schiff e Cappella Barca dal 2001 per esecuzioni di Bach, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, Schumann, e con compositori (Morricone, Hersant, Bonato, Valtinoni…), direttori d’orchestra (Spierer, Muus, Andretta, Rigon…), solisti (Brunello, Pirgu, Nakajima, Bertagnolli…), registi (De Bosio, Mentha, De Fusco, Michieletto, Gandini, Cuppone, Patarino…) ed importanti orchestre (Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, Orchestra del Teatro Olimpico, Streicher Akademie Bozen, Accademia di San Rocco, Filarmonia Veneta, Orchestra Monteverdi, Il Tempio Armonico, Archicembalo Ensemble). Ha ottenuto importanti riconoscimenti da parte della critica specializzata, in particolare per le incisioni dei “Chori per Edipo Tiranno” di Gabrieli, “Metabolè”, “Missa Jazz” di Impulliti, “Messiah” di Händel, “Choral Fireworks”, “W.Dalla Vecchia: Opere Sacre”, “Wanderung” di Hersant. Fra gli ultimi successi da segnalare la partecipazione Festival di Steyr (Austria), Biennale Musica di Venezia, Festival “Lo spirito della musica”del Teatro “La Fenice”, Bologna Festival, New Year Music Festival in Gstaad (Svizzera), Vespro di Monteverdi (in Teatro Olimpico per Vicenza in Lirica e Basilica dei Frari, premiato dalla critica), Concerto delle celebrazioni del Cinquecentenario di Gioseffo Zarlino, Canti di Prigionia di Dalla Piccola per Amici della Musica di Padova. Ha appena concluso le celebrazioni del 25.mo anno di attività con una lunga serie di concerti con in programma Messe per più cori e orchestra di Antonio Lotti, un Kyrie inedito a tre cori dello stesso autore, e Cantate e Magnificat di J.S.Bach, culminate nel grande concerto per la Stagione della Società del Quartetto, salutato da grandissimo successo di critica e pubblico.

Doriana Zarpellon

acconciatrice

Sono nata a Bassano del Grappa ed ora vivo a Zanè.

Inizio giovanissima, e attualmente ho quasi 40 di esperienza lavorativa, di cui più di 20 anni come titolare.
Sul fronte delle esperienze lavorative, oltre al “lavoro di zona”, ho partecipato ad aggiornamenti a Los Angeles, Spagna, Palma di Maiorca, Francia, per essere abilitata professionalmente come tecnico/coach per aziende di extension e prodotti del settore.

Ho organizzato show con acconciature a tema ed espresso la mia fantasia in parecchie sfilate.

Il mio lavoro è la parte di me che più mi rappresenta, perché è dove esprimo di più la mia personalità. Credo che sia importante regalare un sorriso…. che magari non basta, ma sicuramente aiuta. Il mio lavoro è anche questo: saper ascoltare e metterci cuore e passione sempre.

Elena Paolini

acconciatrice

Inizio a fare la parrucchiera nel 1978. Grande passione della mia vita, forse innata visto che sono figlia d’arte.

Sin dall’età di 14 anni, grazie a mia madre, entro in questo mondo. Inizio l’apprendistato in un Salone della Provincia di Vicenza e allo stesso tempo frequento la Scuola Tecnica Professionale L’Oréal di Padova. Così inizio il mio percorso nell’hair styling: vivo il mio periodo di formazione accademica tra Padova, Vicenza e Milano. A vent’anni sento che è tempo di mettere a frutto le competenze accumulate: decido così di iniziare a collaborare nel Salone di famiglia.

Durante la mia carriera ho avuto la possibilità di lavorare a numerose sfilate di moda e di abiti da sposa.

Il mio lavoro mi ha anche permesso di coniugare la voglia di ampliare le mie conoscenze lavorative con la mia passione per i viaggi: ho infatti frequentato corsi di formazione a Londra, Parigi, Barcellona, Dresda, Valencia e Roma.

Dal 2005 sono titolare del Salone che apparteneva alla mia mamma.

Da 8 anni rappresento la Categoria Acconciatori del mandamento di Lonigo (VI) e partecipo attivamente alle attività della Consulta Acconciatori Artigiani di Vicenza. Grazie a Confartigianato Imprese Vicenza partecipo come rappresentante di categoria agli esami di qualificazione degli allievi del Centro di Formazione VICTORY di Vicenza.

Nel mio tempo libero amo stare a contatto con la natura e cerco di collegare questa mia passione anche al mio lavoro, selezionando solo prodotti professionali e di origine naturale.

Sonia Castegnaro

acconciatrice

Sin da piccola mi ritrovavo a giocare tra bigodini e mantelline nel salone di mia mamma, salone nel quale attualmente lavoro e che sto sentendo sempre più mio, facendone mia concreta espressione di stile ed eleganza, fattori ai quali tengo molto. È una passione che è sbocciata con il tempo, ma come figlia d’arte probabilmente era proprio questo il mio destino.

Uscita dalle scuole superiori decisi di immergermi in questo mondo frequentando l’Accademia Artistica per parrucchieri, scuola che mi diede la possibilità di ricevere un’istruzione completa, dalle basi con la storia del costume e dell’acconciatura, alle metodologie più avanzate di taglio e colorazione, dalla formazione tecnica all’espressione creativa, conoscenze che mi portarono poi ad acquisire il titolo di Maestra d’Arte.

Ad un parrucchiere attribuisco aggettivi quali “dinamico, creativo, professionale”, ed è per questo che ho sempre cercato di tenermi aggiornata con diversi corsi di formazione, come quelli frequentati a Parigi e a Londra, presso la Vidal Sasson e la Trevor Sorbie.

Successivamente ho fatto parte del Club Gandini e prima ancora della Famiglia Artistica, team che mi hanno permesso di lavorare sui miei punti di forza aiutandomi così a conoscere e ad applicare i migliori metodi per realizzare le mie ambizioni sia professionali che personali.

Molti ancora sono stati i corsi che mi hanno permesso di crescere ed arricchirmi, come anche molte sono state le esperienze, sempre in campo artistico, alle quali ho avuto il piacere di partecipare grazie al gruppo Consorzio della Bellezza, in quanto associata, tramite Confartigianato Imprese Vicenza.

È un percorso che senza dubbio richiede impegno e sacrificio, e tuttora seguo corsi d’aggiornamento alla continua ricerca di stili, moda e bellezza; ma quella dell’Hairstylist è una professione che poi ti ripaga in termini di soddisfazioni e amore per ciò che si fa.

Paola Girardi

sarta

Si diploma come modellista (disegno e taglio abiti) nel 1972 all’Istituto B. Montagna di Vicenza, e dopo una significativa esperienza in aziende del settore avvia la sua attività come creatrice di moda per sartoria su misura nel 1983.

Da allora è un crescendo: sfilate in città e provincia, partecipazioni ad eventi nazionali e internazionali, presenza costante ai congressi mondiali dei sarti, dove porta anche le sue realizzazioni (tra l’altro a Valencia, Parigi, Berlino, Taiwan, Salisburgo, Interlaken e Roma).

Riassumerne la carriera non è facile, ma non si può dimenticare che nel 2000 è stata eletta Capo Consiglio provinciale dei sarti vicentini e nel 2003 è stata accolta nell’Accademia Nazionale dei Sartori.
Collabora attivamente con enti pubblici e privati per progetti culturali e formativi in ambito territoriale (Cesar formazione, Ist. Garbin di Thiene e altri) e con altre sartorie nella produzione di costumi per diverse compagnie di teatro e danza contemporanea.

Nel 2004 riceve il “Premio Berta” dall’Accademia Euganea.

Nel 2009 diventa consigliera dell’Ass. FIDAPA, sezione Vicenza, e rappresenta l’Italia alla comparazione femminile di Salisburgo (Acc. Naz. dei Sartori).

Le sue creazioni non mancano mai nei momenti importanti della vita cittadina: basti ricordare le varie esposizioni a “VIART” dal 2008, ma anche all’estero, come la mostra personale “A Glimpse of Italian Fashion through the Years” all’Ist. Culturale Italiano di S. Francisco (USA) nel 2011.

Nel 2013 ha festeggiato i  trent’anni di attività con una sfilata degli abiti da lei creati dagli anni ‘ 70 a oggi. Nel 2017 è stata insignita del “Premio dirigente benemerita” (MAB) da Confartigianato Imprese Vicenza.