Davide Giangregorio

widget-giangregorioNasce a Benevento nel 1989. Studia canto con il mezzosoprano Chiara Chialli diplomandosi con il massimo dei voti al Conservatorio «N. Sala» della sua città, dove inoltre studia organo e composizione, musica da camera e pianoforte. Nel 2012 viene selezionato da Natale De Carolis per frequentare l’Accademia “Giovani all’opera” grazie a cui debutta Don Basilio ne “Il Barbiere di Siviglia” di G.Rossini per il 51^ Stresa Festival. Nel 2013 è vincitore della 67ma edizione del Concorso del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”, dove interpreta i ruoli di Angelotti in “Tosca” e di Guglielmo in “Così fan tutte”. Sempre nel 2013 viene ammesso all’Accademia Rossiniana, seminario di studio sui problemi dell’interpretazione rossiniana, diretto dal M° Alberto Zedda esibendosi poi al XXV Rossini Opera Festival ne “Il Viaggio a Reims” di G. Rossini (Don Prudenzio). Nel 2014 è stato ammesso a frequentare l’Accademia del Teatro alla Scala dove studia con artisti di fama internazionale come Renato Bruson, Luciana Serra e Luciana d’Intino. Approfondisce stile e prassi del repertorio barocco con il contralto Sonia Prina.
Gli viene conferito un premio speciale dalla “Fondazione Luciano Pavarotti” al VII Concorso Internazionale di Canto “Ravello-Citta della Musica”. Alla IV ed. del Premio Internazionale di Canto “Santa Chiara” di Napoli si aggiudica il premio “Giovane Talento”.
Tra gli impegni recenti: il debutto al Teatro alla Scala nei ruoli di Alidoro nella “Cenerentola” di G. Rossini e The 5th Woman in “CO2” di G.Battistelli (Prima mondiale) per la regia di Robert Carsen; Moralès e Zuniga nella “Carmen” di G. Bizet al Teatro Regio di Torino, Achilla nel “Giulio Cesare” di G.F. Handel al Teatro dell’Opera del Cairo, Monterone in “Rigoletto” e Valton in “Puritani” al Teatro Massimo V. Bellini di Catania . Al Festival di Martina Franca debutta nel ruolo di Togrul ne “La Donna Serpente” di A.Casella diretto da Fabio Luisi. Al Teatro Municipale di Piacenza ha ricoperto i ruoli rispettivamente di Betto di Signa e Dante nel dittico “Schicchi e Puccini – un prologo a Gianni Schicchi” (Prima mondiale) di S.Monterisi e “Gianni Schicchi” di G.Puccini, al Maggio Musicale Fiorentino è stato un paggio e un famigliare di Nottingham in “Roberto Devereux”. E’ Cardillo ne “La Finta Parigina” di D. Cimarosa al Teatro Trianon di Napoli. Felice debutto come Don Basilio ne “Il Barbiere di Siviglia” di G.Rossini al Palazzo dei Congressi di Stresa, Reggia di Caserta e Teatro Vittorio Emanuele di Benevento. In concerto si esibisce al Festival dei Due Mondi di Spoleto e a Palazzo Montecitorio per il concerto al Parlamento. In Russia canta presso la Kapella Hall di San Pietroburgo diretto da Mats Liljefors. Partecipa al Concerto di Belcanto per il Premio Rodolfo Celletti conferito ad A.Zedda al Festival della Valle d’Itria. E’ basso solista nel Requiem di Mozart a Catania con orchestra e coro del Teatro Bellini.
Prossimamente canterà i ruoli di Ubaldo ne “La Serva Padrona” di G.B.Pergolesi al Festival Vicenza in Lirica, Gaudenzio ne “Il Signor Bruschino” di G.Rossini al Teatro La Fenice di Venezia, Colline nella “Boheme” di G.Puccini al Teatro Regio di Torino, Noye in “Noye’s Fludde” di B. Britten all’ Ente Concerti Marialisa De Carolis di Sassari.

Commenti chiusi