MOZART, Messa in do minore k427
MOZART, Messa in do minore k427

MOZART, Messa in do minore k427


3 settembre, Teatro Olimpico di Vicenza, ore 21
2 settembre, Teatro Olimpico di Vicenza , ore 21 (prova generale aperta al pubblico)

Messa in do minore, K427 per soli, coro e orchestra

Musica di Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Nuova performing version a cura di Luca Guglielmi

Interpreti
Soprano I Nina Solodovnikova

Soprano II Paola Leoci

Tenore Giuseppe Di Giacinto

Basso Giacomo Nanni

Orchestra di Padova e del Veneto
Direttore
Luca Guglielmi
Violini primi Fabio Paggioro, Stefano Bencivenga, Laura Maniscalco, Simone Castiglia
Violini secondi Ivan Malaspina, Davide Dal Paos, Elena Meneghinello
Viole Floriano Bolzanella, Silvina Sapere, Alberto Belli
Violoncelli Francesco Martignon, Simone Tieppo
Contrabbasso Francesco Di Giovannantonio
Flauto Riccardo Pozzato
Oboi Nicolò Dotti, Erika Rampin
Fagotti Aligi Voltan, Matteo Scavazza
Corni Marco Bertona, Alberto Prandina
Trombe Simone Lonardi, Roberto Caterini
Tromboni Alessio Savio, Riccardo Gatti, Fabio Rovere
Timpani Sebastiano Girotto
Organo Gledis Gjuzi

Coro Iris Ensemble
Maestro del coro
Marina Malavasi
Soprani Giulia Bortelli, Ginevra Brogio, Francesca Falasco, Serena Forin, Resi Marcassa, Nausica Mazzocca Veronese, Cecilia Musso, Carmen Rizzi , Ana Maria Rocha, Camilla Scappatura, Laura Vedovato
Contralti Maria Baldo, Federica Carpanese, Ester Luchetta, Marinevi Massaro, Laura Paliotto, Annamaria Pasotti, Irene Pengo, Sofia Pengo, Lorenza Zanotto
Tenori Danilo Benozzo, Guido Bettella, Guido Bombi, Gabriele Cocco, Roberto Cozzarin, Gianfranco Rossetto, Ignacio Vazzoler, Claudio Zmarich, Gian-Luca Zoccatelli
Bassi Giovanni Bertoldi, Filippo Bordin, Riccardo Brocadello, Luca Clerici, Liu Huigang, Cristiano Luchetta, Anton Luongo, Luca Scapin, Samy Timin, Giovanni Zulian

La durata complessiva è di 70 minuti


BIGLIETTERIA

Prenota

Acquista

Per evitare spiacevoli inconvenienti, durante l’acquisto in prevendita, scegliere la “selezione manuale” del posto sulla mappa e non il “miglior posto”