Ospitalità e borse di studio per i giovani artisti

Un invito di Andrea Castello, direttore artistico della manifestazione

Festival “Vicenza in Lirica” 2019 . Ospitalità e borse di studio per i giovani artisti: un modo sensibile e concreto per “fare cultura”

Nella sua settima edizione il festival “Vicenza in Lirica” rinnova l’impegno verso i giovani artisti che ogni anno, da tutto il mondo, arrivano in città per perfezionarsi nel canto lirico e debuttare al Teatro Olimpico. Ed è proprio per loro che, da sempre, il direttore artistico Andrea Castello invita i vicentini a rendersi concretamente ospitali: o accogliendo nella propria casa uno di questi giovani cantanti lirici dall’1 al 15 settembre (e in particolare dal 6 al 15), sulla scorta di quanto avviene in tante altre città italiane e nel mondo, sedi di eventi d’arte; oppure sostenendoli con l’elargizione di una borsa di studio.

“Per quanto riguarda l’ospitalità – commenta Castello – frequento abitualmente festival ed eventi musicali e vedo tante famiglie mettersi a disposizione con entusiasmo per ospitare un artista durante queste manifestazioni. La sentono come un’occasione preziosa – soprattutto se hanno dei figli – per entrare in diretto contatto con giovani che hanno scelto una professione inconsueta come quella del cantante lirico, fatta di sacrifici e impegno ma anche ricca di fascino. Con loro si crea un legame unico, ci si sente fieri e partecipi della loro attività, si è coinvolti nella loro quotidianità, nello studio del canto, nelle prove, fino all’emozione di vederli salire sul palco e applaudirli, con il piacere di aver contribuito concretamente a quel momento magari fondamentale per la loro carriera, avendoli fatti sentire a casa anche se lontano (spesso molto lontano) da casa”.

Un altro modo per sostenere questi artisti è donare una delle quattordici borse di studio previste dal festival, ciascuna del valore di 400 euro: “I sacrifici economici richiesti ai giovani che intraprendono questa difficile carriera sono grandissimi – spiega Castello – perché devono provvedere all’acquisto degli spartiti, alle lezioni private di perfezionamento, alle trasferte per motivi di studio. Sacrifici che conosco bene, avendoli vissuti in prima persona come cantante. Per questo chiediamo a tutti – privati, aziende, commercianti, professionisti – di dimostrare un appoggio concreto a questi giovani e al loro impegno per il futuro della cultura e della bellezza, offrendo una o più borse di studio, tra l’altro detraibili fiscalmente. Per aderire e avere tutte le informazioni basta scrivere a info@concettoarmonico.it o chiamare il numero 349 6209712”.

Il festival “Vicenza in Lirica” è promosso dall’associazione Concetto Armonico con la collaborazione di Comune di Vicenza e Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, sede museale di Intesa Sanpaolo a Vicenza, e con il patrocinio di Mibac, Regione del Veneto, Fondazione Teatro La Fenice di Venezia e Archivio storico Tullio Serafin,

Il calendario del Festival è pubblicato su www.vicenzainlirica.it. Biglietti su www.vivaticket.it o al Teatro Olimpico dalle 10.30 alle 12 e dalle 15.30 alle 17.30 (fino al 27 luglio e dal 20 agosto chiuso il lunedì).

I commenti sono chiusi.