Parole e Musica con il Festival Vicenza in Lirica al Chiericati
Parole e Musica con il Festival Vicenza in Lirica al Chiericati

Parole e Musica con il Festival Vicenza in Lirica al Chiericati

Comunicato stampa
Vicenza, 01/09/2020

Giovedì 3 settembre alle ore 21 presso la prestigiosa sede di Palazzo Chiericati si terrà il primo dei quattro appuntamenti dal titolo “Parole e Musica”.

Ospite il giornalista e scrittore Fabio Larovere, in dialogo con il direttore artistico di Vicenza in Lirica Andrea Castello, che nel suo libro “La parola alla musica“ edito da TiPubblica, ha immaginato sette interviste impossibili.

Tutti noi abbiamo sognato di incontrare i grandi del passato, di fare loro delle domande e magari abbiamo anche immaginato le risposte. Da questo desiderio è nata l’idea di scrivere i testi di sette “interviste impossibili” ad altrettanti musicisti che hanno segnato la storia. Non è certo semplice rileggere in modo originale le vicende umane ed artistiche di personalità come Liszt, Mozart o Beethoven. C’è sempre il rischio di risultare banali o, all’opposto, eccessivamente accademici. Tuttavia, insieme all’amico e collega Luca Capoferri, abbiamo deciso di raccogliere la sfida. Le sette interviste impossibili, riprendendo il modello di una fortunata serie radiofonica della RAI trasmessa negli anni Settanta, cercano di accompagnare chi legge – o chi assiste allo spettacolo, considerato che si tratta di testi pensati per la scena teatrale – dentro la musica, evitando la palude dei tecnicismi per scoprire quel formidabile intreccio di cultura e storia che le note dischiudono.

Restituendo la parola agli autori, le interviste esplorano il mondo e la società che li ha prodotti, indagano nella politica, nella scienza e nell’arte dell’epoca per contestualizzare i capolavori del pentagramma e svelarne significati e intenzioni. Nelle note e nei racconti di Mozart, Beethoven, Schumann, Liszt, Čajkovskij, Verdi e Debussy si intravedono i grandi avvenimenti della storia – la Rivoluzione Francese, i moti risorgimentali, la Belle Époque – i movimenti culturali ed artistici che hanno segnato l’Ottocento come il Romanticismo o l’Impressionismo, le suggestioni della letteratura, dell’architettura, della filosofia.

Ogni intervista, mescolando riferimenti biografici a riflessioni più generali, ha un motivo conduttore, una linea lungo la quale si muove in costante dialogo con la musica: la follia in Schumann, la sordità come destino in Beethoven, l’amore in Mozart, il divismo in Liszt, la cultura russa per Čajkovskij, il Risorgimento per Verdi, la fin de siècle per Debussy. La consapevolezza dell’estrema difficoltà di definire la complessità di un carattere e la straordinaria ricchezza di un’arte ci ha portato a pensare di proporre, in alcune interviste, due facce dello stesso musicista, talora tra loro contrapposte. Così, ciascun interlocutore risponde in due modi diversi alle domande che gli vengono poste ed al lettore spetterà scegliere il volto che più aggrada. Le interviste sono arricchite da sintetiche schede critiche, curate dal musicologo Andrea Faini, che approfondiscono i temi principali emersi nei testi e li contestualizzano. La pubblicazione ha anche un chiaro scopo didattico: crediamo che possa essere utilmente utilizzata in ambito scolastico come strumento educativo, offrendo l’occasione per ampliare e arricchire l’offerta formativa – in cui come purtroppo sappiamo la musica è da sempre confinata al ruolo di Cenerentola.


Primo di una serie di appuntamenti dal nome “Parole e musica “ che il Festival dedica all’editoria specialistica di settore, dopo Fabio Larovere sarà la volta della presentazione del cd “La parabola degli anelli” di Gloria Bruni, a seguire Roberta Pedrotti con il suo “Storia dell’opera lirica” e per chiudere Lia Piano (madrina illustre della serata benefica del 6 settembre al Teatro Olimpico) ed il suo libro “Planimetria di una famiglia felice”.

Fabio Larovere
Giornalista, scrittore, promotore di eventi culturali, è critico musicale per il Corriere della Sera, edizione di Brescia, collabora con L’Opera – international magazine e con il sito Connessi all’Opera. È autore di spettacoli rappresentati e da lui stesso condotti nell’ambito di importanti festival. Insegna Storia dei valori artistici del territorio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore – sede di Brescia. È direttore artistico dell’Associazione Cieli Vibranti di Brescia, con la quale realizza diverse rassegne culturali e musicali, tra le quali CidneOn. Festival Internazionale delle Luci che si tiene nel castello di Brescia; ha curato l’inaugurazione e il primo anno di attività del Teatro delle Ali di Breno (Bs).

Festival Vicenza in Lirica info@vicenzainlirica.it – 3496209712 – www.vicenzainlirica.it