SESSANTA GIOVANI CANTANTI IN CONCORSO PER LA NUOVA PRODUZIONE DEL FESTIVAL
SESSANTA GIOVANI CANTANTI IN CONCORSO PER LA NUOVA PRODUZIONE DEL FESTIVAL

SESSANTA GIOVANI CANTANTI IN CONCORSO PER LA NUOVA PRODUZIONE DEL FESTIVAL

Venerdì 4 e sabato 5 maggio si sono svolte le audizioni, con aspiranti provenienti dall’Italia e dall’estero. Sette i ruoli disponibili per la messinscena del lavoro di Antonio Lotti, su libretto di Agostino Piovene, diretto da Francesco Erle per la regia di Cesare Scarton

FESTIVAL “VICENZA IN LIRICA” – SESSANTA GIOVANI CANTANTI
IN CONCORSO PER LA NUOVA PRODUZIONE DEL FESTIVAL:
IL “POLIDORO” DI ANTONIO LOTTI, ATTESO ALL’OLIMPICO
IN PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA IN TEMPI MODERNI

Sono arrivati a Vicenza in sessanta: da tutta Italia, ma anche dalla Finlandia, dalla Germania, dalla Svizzera, dalla Grecia e da altre parti d’Europa. Sono i giovani cantanti che hanno accettato la sfida lanciata dalla sesta edizione del festival “Vicenza in Lirica”: la prima esecuzione assoluta in tempi moderni del “Polidoro” di Antonio Lotti (1667-1740), attesa al Teatro Olimpico di Vicenza giovedì 6 e venerdì 7 settembre, con la direzione di Francesco Erle, che ne cura anche la revisione con Franco Rossi, e la regia di Cesare Scarton.
Altissimo il livello dei candidati, ad unanime giudizio della commissione. Di conseguenza, lavoro particolarmente impegnativo quello che attende i commissari, che per due giorni, nella chiesa di San Rocco, hanno ascoltato e valutato i cantanti: una scelta delicata, affidata, oltre che al M° Erle e al regista Scarton, al direttore artistico di “Vicenza in Lirica” Andrea Castello e al celebre soprano Barbara Frittoli, stella della lirica che con il festival vicentino ha da tempo un rapporto speciale.
Ora non resta che attendere per scoprire chi rivestirà i sette ruoli della tragedia in musica del compositore veneziano, su libretto di Agostino Piovene, presentata per la prima volta al Teatro Grimani di Venezia nel 1714: il perfido e avido Polinestore, re di Tracia; sua moglie Iliona, già principessa di Troia; la dolente Andromaca, vedova di Ettore, ucciso da Achille; il figlio di quest’ultimo, Pirro, che la desidera; Polidoro e Deifilo, fratello di Iliona il primo, figlio il secondo; e Darete, il precettore dei due giovani, attorno ai quali si muove una vicenda che intreccia sete di potere e cupidigia, ragioni di Stato e ragioni del cuore, disegni divini e umane fragilità.
Organizzato dall’associazione culturale Concetto Armonico, anche quest’anno il festival proporrà concerti, eventi, incontri e masterclass con una particolare attenzione dedicata ai giovani artisti. La manifestazione si avvale del sostegno e dell’ospitalità del Comune di Vicenza e delle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, nonché della collaborazione di diversi sponsor privati e di alcune attività commerciali del centro storico. Informazioni su www.vicenzainlirica.it.